Photo ©Nicola Gronchi
Luoghi di culto

La Cattedrale di Santa Maria Assunta a Pisa

Il Duomo è il cuore di Piazza dei Miracoli

Il Duomo di Santa Maria Assunta di Pisa è un vero e proprio capolavoro del romanico e rappresenta la testimonianza della ricchezza raggiunta dalla Repubblica marinara pisana nel momento del suo massimo splendore.

Iniziato nel 1063 dall’architetto Buscheto, vi si fondono elementi stilistici diversi: classici, lombardo-emiliani, bizantini e islamici, a riprova della presenza internazionale dei mercanti pisani dell’epoca.

La vista notturna del Duomo
La vista notturna del Duomo
L'interno del Duomo
L'interno del Duomo

All’interno l’effetto suggerito dagli spazi architettonici fa pensare alle grandi moschee islamiche, grazie all’uso di archi a sesto rialzato, all’alternanza di fasce in marmo bianco e nero e all’insolita cupola ellittica, di ispirazione moresca. Il soffitto a cassettoni dorati seicenteschi, è dei fiorentini Domenico e Bartolomeo Atticciati.

Nel punto d’incontro tra i transetti e il corpo centrale si innalza la cupola affrescata con la Vergine in gloria e santi dai pisani Orazio e Girolamo Riminaldi (1627-31). Le colonne granitiche in stile corinzio fra la navata e l’abside provengono dalla moschea di Palermo, bottino della battaglia nella Cala dai Pisani nel 1063.

Il grande mosaico absidale del Cristo in trono tra la Vergine e san Giovanni è reso famoso dal volto di san Giovanni disegnato da Cimabue nel 1302, e sopravvisse miracolosamente all’incendio del 1595.

Il Pulpito di Giovanni Pisano
Il Pulpito di Giovanni Pisano - Credit: Sailko

Il Duomo custodisce anche il Pulpito di Giovanni Pisano (1302-1310) che è, per la sua articolata struttura architettonica e la complessa decorazione scultorea, una delle più vaste narrazioni per immagini trecentesche. Nelle formelle sono scolpiti gli episodi della Vita di Cristo.

Per le sue qualità è generalmente considerato il capolavoro dell’artista nonché quello della scultura gotica italiana. I 27 dipinti che rivestono la tribuna dietro l’altare maggiore – raffiguranti Episodi del Vecchio Testamento e Storie cristologiche – furono eseguiti tra il XVI ed il XVII secolo da alcuni dei maggiori pittori toscani, tra cui Andrea del Sarto, il Sodoma e Domenico Beccafumi.

people
Le voci della rete
Pisa
Viaggio nella città dei miracoli, tra arte, cultura e tradizioni dell'antica repubblica marinara
Tappa fondamentale di un viaggio in Toscana sono da sempre Pisa e la sua Piazza dei Miracoli, e malgrado la presenza dei tanti turisti che da ogni angolo del mondo sembrano essere arrivati qui per provare, con l’aiuto della prospettiva, a tenere in piedi la torre pendente, il luogo è comunque capace di sprigionare una bellezza senza tempo, evocativa e potente. ...
Approfondiscikeyboard_backspace