Battaglia di Anghiari
crop_originalOpere d'arte

La battaglia di Anghiari: un giallo che affascina da 500 anni

Un affresco di Leonardo da Vinci che è andato perduto, ma le cui tracce potrebbero essere nascoste su un muro segreto nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze

Firenze

In molti hanno cercato di svelare i misteri di un' opera iniziata da Leonardo il 6 giugno del 1505, rimasta incompiuta e poi scomparsa, probabilmente in seguito al riassetto del salone, che fu commissionato a metà Cinquecento all' architetto Giorgio Vasari. La 'Battaglia di Anghiari' doveva raffigurare lo scontro vittorioso, avvenuto il 29 giugno 1440, dei fiorentini contro i milanesi. Purtroppo il maltempo interruppe le prime pennellate di Leonardo, che lesse questo incidente come un cattivo presagio. La storia dell' affresco dimostra che il 'genio' aveva ragione: Leonardo lo lasciò incompiuto. I cartoni preparatori sono andati perduti e la conoscenza di questo lavoro è legata unicamente ad una quindicina di copie pittoriche, ad alcune incisioni e a molti disegni autografi di Leonardo conservati nei maggiori musei del mondo. Un capolavoro che avrebbe dovuto gareggiare con un affresco delle stesse dimensioni (15 metri quadrati) commissionato - ma mai iniziato - a Michelangelo, e che avrebbe dovuto vedere la luce sulla parete opposta a quella assegnata a Leonardo per la sua 'Battaglia'. Della 'Battaglia' di Leonardo si ha traccia nel 1549, quando lo scrittore fiorentino Anton Francesco Doni la descrive come "cosa miracolosa" in una lettera inviata a un amico di Venezia. Poi, in tempi recenti, si sono susseguiti studi e ricerche per dimostrare che qualcosa di quell' affresco deve essere rimasto. Nel 1979, su insistenza di due studiosi americani Travers Newton e John Spencer della Duke university, fu tolta una porzione di almeno due metri quadrati di affresco del Vasari in Palazzo Vecchio raffigurante la battaglia di Torre, sotto il quale si supponeva potesse trovarsi la 'Battaglia' di Leonardo. L' operazione non ebbe successo. Nel 2005 è avvenuta la scoperta di un muro 'segreto' nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, che potrebbe conservare ancora tracce del celebre affresco. Durante la manifestazione "Il Genio Fiorentino" promossa dalla Provincia di Firenze, l' ingegnere Maurizio Seracini, direttore del centro diagnostico per i beni culturali Editech, che ha dedicato 30 anni della sua vita a questa ricerca, annunciò per la prima volta che strumenti d' avanguardia, come laser scanner, termografie, radar, avevano "permesso di scoprire dietro al muro del Salone dei Cinquecento su cui il Vasari ha affrescato la Battaglia di Marciano in Val di Chiana, una sottile intercapedine, che potrebbe essere stata costruita dal Vasari stesso per proteggere il capolavoro di Leonardo.

Ad Anghiari (AR) vi l’unico museo che racconta la vicenda dal punto di vista storico e artistico: Museo della Battaglia e di Anghiari.  

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace