Il museo civico di Prato
account_balanceMusei

Il museo civico di Prato

Collezione pittorica di noti artisti rinascimentali come Filippo Lippi.

Prato
Il museo è ospitato all'interno del duecentesco Palazzo Pretorio, edificio simbolo dell'architettura civile e della storia cittadina, liberato ai primi del secolo dalle aggiunte barocche con un restauro che ne ha accentuato l'imponente assetto medievale. La collezione trae origine dalla Quadreria di Palazzo comunale, istituita nel 1788 e riordinata nel 1858 da Gaetano Guasti, l'attuale allestimento risale al 1954 ed è prevalentemente finalizzato a rappresentare la cultura artistica e il collezionismo di Prato dal Trecento all'Ottocento.

Il primo nucleo del museo è costituito da una ventina di quadri (soprattutto del Cinquecento toscano) provenienti dalle chiese e dai conventi soppressi alla fine del Settecento e riuniti dal granduca Pietro Leopoldo con fini didattici e di promozione artistica. Dalla metà dell'ottocento si aggiunsero opere medievali provenienti da istituzioni cittadine come l'Ospedale di Misericordia e Dolce. Donazioni di collezionisti hanno ulteriormente arricchito il museo con opere del Rinascimento, dell'Ottocento e del Novecento.

Da segnalare in particolare le seguenti opere: Bernardo Daddi, polittico, secondo quarto XIV sec. dall'Ospedale di Misericordia, 1338 ca.; Giovanni da Milano, polittico dall'Ospedale di Misericordia, metà del secolo XIV (1355 ca.); Filippo Lippi, Madonna del Ceppo, 1453; Filippino Lippi, Madonna del canto del Mercatale, 1498; Filippino Lippi, Madonna col Bambino e SS. Stefano e Giovanni Battista, 1503 dalla sala dell'Udienza del Palazzo comunale, 1502-3; Lorenzo Bartolini, La fiducia in Dio, I metà XIX secolo, statua in gesso, 1836.

Accesso handicap:

NO, in corso di adeguamento

Contatti:
piazza del Comune 1
PRATO (PRATO)
Telefono: 0574 1836303; 0574 1835025
E-mail:m.mannini@comune.prato.it
http://www.cultura.prato.it/musei/it/
Prato
Dal Medioevo all'avanguardia in una città da scoprire
Una città che non mancherà di stupire gli amanti delle destinazioni meno inflazionate è Prato. In molti infatti, anche a causa di come il luogo viene spesso presentato sulla stampa, si stupiranno, visitandolo, di scoprire un centro storico elegante e ben conservato, all’altezza dei nuclei medievali di tante delle più note città toscane. ...
Approfondiscikeyboard_backspace