Chiesa di San Francesco Grosseto
Luoghi di culto

Il convento e la chiesa di San Francesco di Grosseto

La chiesa conserva varie opere d'arte tracui spicca il celebre Crocifisso realizzato da Duccio di Boninsegna

Grosseto

Una carta del 1233, proveniente dall'archivio dell'abbazia amiatina di S.Salvatore, riferisce che in quell'anno in Grosseto già esisteva la «contrada loci fratrum minorum». L'Ordine avrebbe, dunque, ben presto un suo convento nella città maremmana, ed addirittura forse fin da prima della morte di S.Francesco secondo il Padre Luca Wadingo, annalista dei Frati Minori del XVIII secolo, che accoglie una tradizione secondo la quale i francescani, poco dopo il 1220, avrebbero occupato gli edifici abbandonati di un monastero benedettino dedicato a S.Fortunato. Secondo la tradizione, fin dai primi tempi della presenza dell'Ordine in Grosseto i frati fondarono un ricovero per gli infermi, che dal nome dei fondatore fu chiamato "Ospedale di fra Roncone". È probabile sia frate del convento quell'Andrea da Grosseto che nel 1268 volgarizzava in Parigi i Trattati morali di Albertano da Brescia, esempio illustre della primitiva prosa italiana. Forse appartenevano al monastero di S.Fortunato i ritrovamenti che l'Anichini (Storia ecclesiastica della Diocesi di Grosseto, I, ms. 1751, cc.170-171) riferisce effettuati in occasione di lavori di ristrutturazione del convento.


La chiesa presenta una facciata semplice con il portale caratterizzato da una lunetta con affresco, a sua volta sovrastata e protetta da un tabernacolo ligneo, sopra il quale si trova un rosone. L'interno, a navata unica, conserva varie opere d'arte tra cui spicca il celebre Crocifisso su tavola realizzato da Duccio di Boninsegna verso la fine del Duecento. 


Nel 1704 probabili indicazioni sull'area occupata dall'antica chiesa dei monaci: vennero ritrovate una nicchia nel muro di una stanza diruta, situata immediatamente a sinistra entrando nel chiostro, ove era collocata un'antica statua di legno raffigurante un santo monaco e, sotto le macerie, una mensa da altare di pietra rotta in più pezzi ed una sepoltura ripiena di terra e sassi; nel 1724, in occasione della riparazione del tetto di una stanza della parte del convento più vicina alle Mura Medicee, venne alla luce un cenacolo dipinto rozzamente, che fu ritenuto appartenere al refettorio dei benedettini.


Il convento francescano sarebbe, dunque, edificato utilizzando anche strutture più antiche, formando un angolo retto con la chiesa di S.Francesco che avrebbe incorporato quella benedettina, allorché fu costruita a partire dagli anni '80 del XIII secolo. Ciò grazie alle numerose donazioni e lasciti testamentari ai 'Frati Minori', così di cittadini grossetani come di personaggi assai importanti appartenenti alla nobiltà maremmana, come quelli del 1284 del conte aldobrandesco Ildebrandino il Rosso e del 1322 di Nello Pannocchieschi, forse il marito di Pia de' Tolomei.

La costruzione delle Mura Medicee a partire dalla fine del secolo XVI determinò la riduzione delle dimensioni del convento, e conseguentemente la riorganizzazione dei suoi spazi. La particolare attenzione del comune di Grosseto per il convento e la sua chiesa è attestata dagli Statuti cittadini e dalla documentazione archivistica, dalla quale emerge come il comune intervenga a lungo per gli ornamenti, le riparazioni ed i restauri. Nel primo dei due chiostri che aveva il convento erano portati per la sepoltura i defunti appartenenti alla Confraternita di S.Gherardo, ospitata in due locali sottostanti il dormitorio, e ciò era causa di liti fra i frati ed i parroci grossetani. Secondo questi il chiostro era di pertinenza della comunità, che ne curava la manutenzione per l'approvvigionamento idrico ad uso pubblico, tanto da ottenere dal Magistrato dell'Ufficio dei Fossi, nel 1776, il riconoscimento del diritto delle donne grossetane di accedervi per prendere acqua.


Il Vescovo Pecci emanò un apposito decreto nel 1771, per il quale fu innalzata una colonna davanti ai granai, ad indicare il punto preciso dove dovessero giungere i parroci nei funerali. È agli inizi del secolo XVIII che risale la costruzione di questi nuovi granai che occupavano l'area sulla quale è stato costruito, nel 1975, l'edificio della 'Fondazione Giuseppe Friuli'. Assieme agli altri interni più antichi, collocati nelle pertinenza del convento, erano tutti chiamati col nome di un santo (S. Rosa, S.Antonio, Carmine, Concezione, S. Giovanni, S. Francesco e S. Chiara), la cui effige in terra cotta era posta sopra le rispettive porte. Uno di questi granai, quello di Santa Chiara, fu dato in affitto alla comunità come teatro, e nel 1805 servì da alloggio per le truppe francesi di passaggio per Grosseto.

Soppressi gli ordini monastici durante la dominazione francese nel 1808, anche il convento grossetano dopo quasi sei secoli di vita veniva abbandonato, i suoi beni immobili venduti all'asta ed i mobili in parte acquistati dal vescovo di quel tempo, Antonio Franci, altri venduti in piazza dal ricevitore del Demanio. Per molti anni gli edifici del convento furono adibiti a vari usi civili; quattro vani ubicati sopra la Cappella della Madonna furono utilizzati sino al 1921 come Corte d'Assise e nei nove anni seguenti come Archivio Notarile. Durante tale affitto, però, si era dato inizio al restauro del complesso, finché alla fine del 1930 il convento venne riconsegnato ai religiosi.


Nel 1865 dopo che per circa otto anni aveva servito da cattedrale, essendo San Lorenzo chiusa per restauro, la chiesa di S. Francesco veniva destinata dal comune ad uso di magazzino, finché nel 1880 fu consegnata al Rettore dell'Opera della Cattedrale e il 9 giugno 1895 riaperta al culto. L'intervento più importante sull'edificio è stata l'aggiunta secentesca della cappella dedicata a Sant'Antonio da Padova, e nel 1623 fu rifatto il campanile che, rovinato nel 1917 da un fulmine, è stato ricostruito in stile. Coi radicali restauri di fine Ottocento, intesi a restituire alla chiesa l'aspetto originario, furono rimossi gli altari in stucco addossati alle pareti nel corso del XVIII secolo.


(Immagini by wikipedia)

(Articolo a cura della Provincia di Grosseto)


Grosseto
A spasso nella città nel cuore della Maremma
Grosseto è una città garbata quasi ai confini della Regione, centro politico e culturale della Maremma. Posto ideale per esplorare le colline circostanti e i vicini tratti di mare, la città - con la sua tranquillità perfetta per le famiglie - sa offrire sorprese inattese a chi decida di visitarla. ...
Approfondiscikeyboard_backspace