Val di Cornia e Suvereto

Suvereto

Un vero gioiello incastonato sulla Costa degli Etruschi

Leggi la storia Suvereto su logo toscana ovunque bella Suvereto Dal sogno di un cavaliere errante nasce la storia di Suvereto Vino, olio, grani antichi, profumi e sapori di un passato che trova le sue radici nella storiaLeggi la storia

Splendido borgo medievale, le cui origini risalgono a prima dell'anno Mille, incastonato sulle pendici delle colline che dominano il mare e la Costa degli Etruschi, nella verde vallata attraversata dal Cornia, ricco di storia e di arte, Suvereto è un vero gioiello. Il paese (che si fregia dell’importante riconoscimento della Bandiera arancione, assegnata dal Touring Club Italiano), dall'incantevole armonia architettonica, racchiude, dentro alle antiche mura, vicoli lastricati su cui si affacciano case di pietra, palazzi storici, chiese di grande suggestione e chiostri ombrosi. Folti boschi di sugheri, castagni, querce e la macchia mediterranea scendono fino al mare. La campagna fiorente, ricca di viti e di olivi secolari, è attraversata dalla Strada del Vino. Qui è tutto un pullulare di aziende agricole, frantoi, cantine, agriturismi, dove si possono gustare prodotti tipici e piatti che derivano da una genuina tradizione gastronomica. Nei mestieri che si tramandano da generazioni vivono le tradizioni antiche di Suvereto.

I lavori del bosco, della campagna e quello artigiano rimandano ad una storia secolare di impegno e di ricerca: carbonai, sugherai, falegnami, fabbri, impagliatori, fornai: una ricca tradizione di lavori artigiani che si esprime oggi soprattutto nella lavorazione del ferro e del legno. Negli accoglienti negozi del centro storico si possono infatti acquistare splendidi oggetti in ferro battuto e prodotti dell'artigianato tipico. Di particolare interesse anche il “Museo artistico della bambola”, una collezione prestigiosa di esemeplari unici da fine ‘800 ai nostri giorni. Nelle magiche feste ispirate alla storia ed al folklore che, grazie alla mitezza del clima si svolgono tutto l'anno, il paese rinnova le sue antiche tradizioni, aprendosi all'arte ed alla ricerca del nuovo.

Una cinta muraria a forma di pentagono scandito da otto torrioni racchiude lo splendido centro storico di Suvereto. La Rocca, anticamente presidio del castello, si erge sulla collina che domina il paese. Il Palazzo Comunale risale al 1200 ed è uno degli edifici più belli dell'arte civile in Italia, simbolo dell'autonomia cittadina. Nella suggestiva cornice medievale del Chiostro di San Francesco si svolgono, ogni anno, concerti, spettacoli e rievocazioni storiche. La Chiesa di San Giusto, costruita intorno al Mille, incastonata tra le mura e la principale porta di accesso al paese, è in stile romanico con decorazioni bizantine ed ha annesso il Museo di arte sacra, che espone importanti sculture, quadri e paramenti sacri.
Di particolare interesse e valore sono anche le Chiese della Madonna di Sopra la Porta, di origine settecentesca, all’interno della quale si trova un dipinto dell’Immacolata con Bambino, risalente al Cinquecento, ed ubicata nel centro del borgo, e quella del Santissimo Crocifisso. Le antiche Fonti pubbliche, come quelle degli Angeli e di Belvedere, un tempo utilizzate

La natura - Al centro di una vasta area ricoperta dalla macchia mediterranea e dalle foreste di lecci e cerri, il Parco Naturale di Montioni appare come un'isola di verdi colline che si estende per circa 7000 ettari di superficie, dove sono presenti anche importanti reperti archeologici e storici. Il Parco racchiude un affascinante patrimonio naturalistico con numerose specie di uccelli ed una ricca fauna costituita da cinghiali, caprioli, daini ed istrici. In questa splendida cornice verde, dove domina il silenzio, fitti sentieri percorribili a piedi, in bicicletta ed a cavallo si snodano nella macchia mediterranea e nei boschi folti di querce, tra miniere e testimonianze storiche. Nel cuore del Parco sono presenti i resti delle cave di allume del Villaggio minerario realizzato da Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone. Il Parco è ad accesso libero, dispone di una foresteria, di un ostello e di aree attrezzate per la sosta. Su prenotazione sono possibili visite guidate.

Cover image credit: Varda HB

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Suvereto