fb track
Figline Valdarno

Figline e Incisa Valdarno

Un territorio che ha affascinato pittori e poeti

Leggi la storia Figline e Incisa Valdarno su logo toscana ovunque bella Figline e Incisa Valdarno - Un fantasma in villa. Anzi, due - Toscana Ovunque Bella Figline e Incisa Valdarno Un fantasma in villa. Anzi, due La storia di Veronica Cybo rivisitata dallo scrittore Andrea CampucciLeggi la storia

Il territorio di Figline e Incisa corrisponde all’area del Valdarno superiore fiorentino, tra il massiccio del Pratomagno e i monti del Chianti. Due centri distinti, ma uniti dalle bellezze di un paesaggio che ha affascinato pittori e poeti.

Figline, con origini etrusche e romane, ha vissuto nel Rinascimento un grande fervore culturale. L’insediamento è testimoniato dal 1008, quando gli abitanti scesero in valle per dare origine al Castello di Feghine. Oggi vi si conservano siti di notevole interesse storico.

Un viaggio a Figline può partire dalla centrale piazza Marsilio Ficino, che onora il celebre umanista con la struttura tipica delle piazze mercatali, molto diffuse in quest’area. Da qui si può accedere alla Collegiata di Santa Maria, una chiesa del Duecento con annesso un ricco Museo di Arte Sacra, che custodisce dipinti, arredi sacri, paramenti e codici miniati. Si segnala, in particolare, una tavola di fine Cinquecento del Martirio di San Lorenzo, attribuita al Cigoli.

Non lontano, si fa notare l’equilibrato palazzo Pretorio, un edificio del Quattrocento arricchito da una torre merlata e da vari stemmi sulla facciata. All’interno custodisce un’antica campana del 1384 e una terracotta invetriata di Benedetto Buglioni. A guardare il palazzo, dall’esterno, sta il loggiato della chiesa del convento di San Francesco, con la sua facciata bicroma e lunette affrescate.

Anche allontanandosi dal centro, si raggiungono ottime mete. Per uno sguardo indietro nel tempo, verso antichi mestieri e modi di vivere c’è la Casa della Civiltà Contadina di Gaville, una casa, appunto, più che un museo, dove si riscoprono vecchi stili di vita in un’ambientazione tipica della civiltà rurale.

Incisa è un borgo ricco di tradizione, che conserva ancora intatto il fascino dello splendore medievale. In questa città visse con la famiglia, durante la sua prima infanzia, il poeta Francesco Petrarca. La sua casa oggi è visitabile, in quanto è diventata un centro culturale per iniziative come mostre e laboratori. Da vedere a Incisa, inoltre, è anche la chiesa dei Santi Cosma e Damiano.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Figline e Incisa Valdarno
&
Il territorio
Paesaggio Via degli Dei tra Firenze e Bivigliano

Firenze e Area Fiorentina

Intorno a Firenze un patrimonio fatto di ville, castelli, boschi incantati e colline
La potenza dell’arte e la vitalità della cultura di Firenze, da tempi lontani, hanno un’energia tale da espandersi con forza pressoché in tutta la Toscana. ...
Approfondiscikeyboard_backspace