Vallombrosa
???.icon?????????

La foresta di Vallombrosa

Curata e amata da secoli dai monaci

Bagno a Ripoli
La Foresta di Vallombrosa è una delle aree verdi più famose d'Italia.
Quando i monaci si insediarono a Vallombrosa nell'XI secolo erano già presenti dei boschi di abeti bianchi e faggi. La cura delle foreste fu una delle preoccupazioni degli abati che, dal legname e dall'allevamento degli ovini, traevano gran parte delle risorse necessarie alla vita dell'Abbazia. I lunghi tronchi d'abete erano una merce importante, e servirono per secoli alla costruzione ed al restauro dei palazzi di Firenze, perciò i monaci fecero di tutto per estendere e curare lo sviluppo delle abetine.

Dopo la creazione del Regno d'Italia la foresta passò allo Stato e, nel 1977, divenne Riserva Naturale Biogenetica.
Ogni anno la Foresta di Vallombrosa è meta migliaia di turisti, e anche di studenti della Facoltà di Scienze Forestali dell'Università di Firenze, che hanno in Vallombrosa il loro "Campo Scuola".
La foresta si sviluppa in un'area di 1.279 ettari, tra i 450 e 1450 m di altitudine. Le specie più diffuse nella foresta sono, oltre all'abete bianco, il faggio (prevalente nelle zone più elevate), il pino laricio e la douglasia. Alle quote più basse vegetano castagni, querce, aceri e carpini.
Bagno a Ripoli
Cipressi, case coloniche, vigneti e uliveti: ecco la perla della Vallombrosa
Dallo Spedale dei viandanti, "Il Bigallo", al poetico Ninfeo di Giambologna, più noto come Grotta di Fata Morgana, passando per dolcissimi paesaggi urbanizzati. Ecco un affresco del bellissimo territorio di Bagno a Ripoli, a Sud della città di Firenze, laddove, senza soluzione di continuità, si inseguono cipressi e case coloniche, vigneti e uliveti che incastonano tabernacoli e dove pulsa ...
Approfondiscikeyboard_backspace