fb track
Marina di Cecina
Photo ©Pietro Motta

Cecina

Archeologia, relax e natura per una vacanza indimenticabile

Cecina è un centro di origini antichissime, alcuni ritrovamenti fanno risalire i primi insediamenti in questa zona addirittura al Neolitico. Il territorio – abitato anche in epoca etrusca – deve il nome al console Albino Cecina, di origine etrusca, ordinò la costruzione di una villa i cui resti sono ancor oggi visitabili a San Vincenzino. Al giorno d’oggi Cecina è una cittadina vivace, in cui è piacevole passeggiare per le tranquille strade del centro, luoghi di ritrovo di giovani e famiglie.

Data l’importanza dei resti antichi, merita sicuramente una visita il Museo Civico Archeologico Guerrazzi, allestito nella settecentesca Villa La Cinquantina, dove sono conservati suggestivi reperti arcaici ed etrusco-romani: vi sono esposti monili, oggetti in bronzo, ceramiche e suppellettili, oltre a eccezionali reperti prestati dai musei etruschi di Firenze e di Volterra. Gli amanti dell’arte classica non mancheranno poi di visitare la Villa romana di San Vincenzino, un complesso residenziale che risale al periodo tra il I secolo a.C. e V d.C, di cui sono visibili le fondazioni, i mosaici, i pavimenti e un’intatta cisterna sotterranea.

Cecina è da sempre caratterizzata dal suo stretto rapporto con la costa, un elemento in tal senso caratterizzante è costituito dai tomboli: lunghi cordoni di dune ricoperti da una fitta vegetazione che dalla spiaggia si spingono verso l’interno, e che rappresentano un caratteristico ecosistema creato per difendere le zone coltivate dai venti marini. La Riserva naturale biogenetica dei Tomboli di Cecina, che si estende per 15 chilometri, è dotata di una folta e varia vegetazione che si muta via via che ci si inoltra nell’entroterra. Sulla spiaggia fioriscono il giglio e il papavero di mare mentre, nella macchia bassa i ginepri fissano le dune più esterne, nella macchia alta prevalgono i lecci, i pini marittimi e quelli domestici. Vi trovano rifugio varie specie di animali: conigli selvatici, volpi, donnole, istrici, caprioli e tassi. Tra gli uccelli figurano le tortore, i picchi verdi, le upupe e i colombacci, che sostano qui per lunghi periodi. Il territorio di Cecina è inoltre attraversato dalla prestigiosa Strada del Vino della Costa degli Etruschi, ed è al centro di produzioni vinicole di qualità.

Non si può non segnalare il rapporto col bel mare (insignito della Bandiera Blu dell’Unione Europea), che esplode nel cuore di Marina di Cecina, dove i flutti lambiscono un’ampia spiaggia di sabbia morbida, orlata dal verde di una folta pineta secolare, dove è bello passeggiare, andare in bicicletta e a cavallo. Il porto turistico è capiente e attrezzato. Gli alberghi, le pensioni e i campeggi sono spesso immersi nel verde.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Cecina