location_cityArchitetture

Il Castello di Sammezzano

Reggello

Il Castello di Sammezzano è uno dei luoghi più misteriosi e affascinanti della Toscana.
Costruito a metà Ottocento come monumento all’arte orientale dal marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona, Sammezzano è un incredibile mix di elementi arabeggianti ispirati all’Alhambra di Granada, simboli massonici e addirittura indiani: archi maestosi, pareti finemente intarsiate, arabeschi, sale a tema.

Il marchese tra il 1853 e il 1898 diede fondo alle sue ingenti sostanze per ricreare a Reggello uno stupefacente caleidoscopio di suggestioni orientali. Usando esclusivamente maestranze locali (la fornace per le maioliche di ceramica era sistemata nel parco attorno al palazzo) il Castello è cresciuto anno dopo anno, di pari passo con l’isolamento del marchese.

Le volte del Castello di Sammezzano
Le volte del Castello di Sammezzano - Credit: Antonio Cinotti

La ricchezza dei colori e la cura dei dettagli fa girare la testa al visitatore. Dal suntuoso Atrio delle Colonne, con il rilievo di alcuni melograni, si passa alla vasta Rotonda, una sala da ballo ottagonale su cui si affacciano le quindici stanze degli ospiti, realizzata interamente in stile mudejar.

Un richiamo esplicito all’Alhambra, così come la Stanza degli Amori e quella degli Specchi, dalla volta della quale pendono centinaia di muquarnas, le piccole stalattiti tipiche dell’architettura islamica. Passando sotto cupole e nervature si arriva quindi alle coloratissime aule “indiane”, come quella dei Gigli e – immersa in fasci di lucenti arcobaleni psichedelici la più famosa – la Stanza dei Pavoni.

Nelle sale del Castello
Nelle sale del Castello

Per i suoi interni spettacolari, il Sammezzano è stato spesso scelto dai registi come location d’eccezione per i loro film, come Matteo Garrone che ha ambientato nelle sale coloratissime del Castello alcune scene del suo “Racconto dei Racconti” con Selma Hayek.

Attualmente il Castello è chiuso alle visite. Per informazioni: www.sammezzano.org

Cover image credit: Antonio Cinotti

Reggello
È un comune ricco di ville e castelli, conosciuto soprattutto per l'Abbazia di Vallombrosa e per la Mostra dell'Olio
Il comune di Reggello si estende nella montagna fiorentina , dal versante nord-occidentale del Pratomagno al Valdarno Superiore. Antica podesteria medievale con il nome di Cascia, ha raggiunto l’attuale assetto territoriale nel 1840, quando gli vennero annesse le parrocchie di San Clemente e di Santa Maria a Sociana. ...
Approfondiscikeyboard_backspace