Etruschi, urna sposi, Volterra
Photo ©Photo-Credits-Sailko-Wikipedia
account_balanceMusei

Il Museo Etrusco Guarnacci di Volterra

Un percorso cronologico alla scoperta delle tombe etrusche

Volterra

Il Museo Etrusco Guarnacci nacque nel 1761 quando il nobile abate Mario Guarnacci donò il suo straordinario patrimonio archeologico, raccolto in anni di ricerche e acquisti, a Volterra, la sua città natale.
La collezione si trova dal 1877 nell’attuale sede di Palazzo Desideri Tangassi e raccoglie reperti che vanno dal periodo preistorico, attraverso quello orientalizzante, arcaico, classico fino al periodo ellenistico (IV secolo-I secolo a.C.) in cui Volterra ebbe il suo maggiore sviluppo.

Sono oltre 600 le urne conservate nel Museo, divise a seconda del soggetto dei bassorilievi della cassa: si trovano così motivi ornamentali con rosoni, demoni o maschere, ma anche animali fantastici e feroci, il viaggio agli ingeri a cavallo, l’addio del defunto ai parenti. Non mancano le urne decorate con splendidi bassorilevi di argomento mitologico greco: come Edipo e la Sfinge, il rapimento di Elena, Teseo e il Minotauro, le Amazzoni, Ulisse e le sirene. 

L'Ombra della Sera
L'Ombra della Sera - Credit: Sailko

Uno dei monumenti più significativi della collezione è l’Urna degli sposi, che raffigura due anziani coniugi distesi sul letto del convivio con i volti fortemente caratterizzati, modellati in terracotta.
Un altro simbolo del Museo e di tutto il mondo etrusco è il bronzetto votivo che raffigura un giovane uomo famoso come l’Ombra della sera: la sua fama è dovuta alla forma allungata che assomiglia a un’ombra umana proiettata alla luce del tramonto, che la rende simile alle opere di scultura contemporanea. L'allungamento innaturale e al tempo stesso le perfette proporzioni della figura rendono l’ex-voto un capolavoro della scultura etrusca del III sec. a.C..

Info: comune.volterra.pi.it

Volterra
Viaggio nel borgo più antico della Toscana
Volterra è una città dall’aspetto inconfondibilmente medievale, dove è ancora possibile gustare l’atmosfera di un borgo antico, la cui autenticità è protetta dal relativo isolamento che ha limitato lo sviluppo del centro in epoca industriale, salvaguardando la città dalle speculazioni edilizie. ...
Approfondiscikeyboard_backspace