Luoghi di culto

Il Battistero di San Giovanni a Firenze

Arricchito da un mosaico straordinario e da tre porte in bronzo dorato

Piazza del Duomo

Il Battistero di San Giovanni si trova davanti alla Cattedrale di Santa Maria del Fiore ed è uno dei luoghi di culto più antichi di Firenze: nel Medioevo si credeva fosse un tempio pagano nell’epoca romana, dedicato a Marte, e poi trasformato in una chiesa.

Il suo aspetto fortemente geometrico a pianta ottagonale e le splendide decorazioni in marmo bianco e verde di Prato lo rendono una struttura affascinante, dentro cui spicca lo straordinario mosaico della cupola, una delle più grandi al mondo dell’epoca decorata con questa tecnica. I mosaici su sfondo oro, dominati dalla figura gigantesca di Cristo e del giudizio universale, furono eseguiti dal 1266 agli inizi del Trecento da artisti di formazione bizantina provenienti da Venezia, ai quali si aggiunsero artisti toscani come Coppo di Marcovaldo e soprattutto Cimabue, il maestro di Giotto.

La splendida cupola del Battistero
La splendida cupola del Battistero
La Porta del Paradiso
La Porta del Paradiso

Il Battistero è famoso anche per i suoi magnifici tre portali in bronzo dorato: la Porta Sud, la più antica, porta la firma di Andrea Pisano, che tra il 1330 e il 1336 la scolpì con gli episodi della vita di San Giovanni e con le virtù.


Sulla Porta Nord, realizzata da Lorenzo Ghiberti, sono raffigurate le scene del Nuovo Testamento e degli Evangelisti, ma è la Porta Est la più celebre: sempre opera del Ghiberti è un capolavoro dell’arte del Rinascimento. Soprannominata Porta del Paradiso da Michelagelo, completamente dorata, fu completata nel 1452 con le scene dell’Antico Testamento: i pannelli originali, danneggiati durante l’alluvione di Firenze, sono stati restaurati e si possono ammirare nel Museo dell’Opera del Duomo.

Il Battistero
Il Battistero

Dentro il Battistero si possono ammirare anche alcune preziose opere di scultura come la tomba di Giovanni XXIII, antipapa morto a Firenze nel 1426, progettata da Donatello e Michelozzo, mentre la straordinaria ascetica Maddalena scolpita da Donatello in legno e un tempo qui collocata è attualmente esposta nel Museo dell’Opera del Duomo.

Per informazioni: www.ilgrandemuseodelduomo.it

Cover image credit: Marie-Lan Nguyen

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace