Fortezza di Girifalco
location_cityArchitetture

Fortezza di Girifalco

Un tuffo indietro nel tempo

Cortona
Nella seconda metà del cinquecento, nel 1556, nell'angolo nord-est del quadrilatero della cinta muraria, nel punto più alto della città, il primo granduca di Toscana, Cosimo I, fece costruire la fortezza; sorse su quelle che erano le vecchie strutture di una medesima fortificazione in epoca etrusca, romana e medioevale quest'ultima distrutta dal "sacco" del 1258.

La fortezza fu opera di Gabrio Serbelloni, nipote del papa Pio IV e del cortonese Francesco Laparelli. La costruzione è a forma trapezoidale con quattro grandi bastioni e resta un bell'esempio di architettura militare del Cinquecento. Dopo la sua ricostruzione in epoca moderna non si hanno notizie di battaglie svoltesi intorno ad essa. In realtà, come per tutte le altre fortificazioni dell'Aretino, la lunga pace della quale godette il Granducato di Toscana dopo la guerra di Siena (1554-1556) fece sì che la Fortezza restasse sostanzialmente inutilizzata.

Nel 1770 venne acquistata dal Comune di Cortona. Restaurata di recente è ora sede di mostre, nel periodo estivo, ed è visitabile da Aprile a Settembre. Dalla sommità della torre, è possibile ammirare un panorama mozzafiato di Cortona e di tutta la Valdichiana.


Orario:
dal 1 aprile al 31 giugno e 1-30 settembre ore 10-18
dal 1 luglio al 31 agosto ore 10-19. chiuso il lunedì.

Prezzo:
3,00 € biglietto intero; 1,50 € biglietto ridotto per comitive oltre 15 persone e per bambini da 6 a 12 anni.

Accesso handicap:
no
Cortona
Terra di numerose leggende
La bella città di Cortona è posta sul rilievo montuoso tra la Valdichiana e la valle del Tevere, una zona abitata sin dalla notte dei tempi. Cortona infatti è stata un importantissimo centro etrusco, tanto che la presenza in questa zona degli antichi insediamenti caratterizza ancor oggi con forza l’identità della città. ...
Approfondiscikeyboard_backspace