Vino, olio e miele

Bianco di Pitigliano DOC

Il vino del famoso borgo scavato nel tufo

style
Categoria
Vino, olio e miele
La DOC Bianco di Pitigliano è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti situati nei territori comunali di Pitigliano e Sorano e in parte di quelli di Scansano e Manciano.

Storia e paesaggio - L’ambiente in cui nasce il Bianco di Pitigliano è sicuramente uno dei più suggestivi della Toscana, con i vigneti rivolti verso l’inconfondibile sagoma del borgo medievale arroccato su uno sperone tufaceo e quell’alone di mistero che gli deriva dall’essere stato abitato un tempo dagli Etruschi e dai Romani. Le molte grotte scavate nel tufo stanno ancora a testimoniare la presenza di cantine naturali per gli agricoltori di ieri che da sempre hanno coltivato la vite sulle colline circostanti. Un uso che solo in anni recenti, dopo l’evoluzione della vitivinicoltura locale che ha valorizzato il Bianco di Pitigliano a DOC, è stato, anche se non del tutto, abbandonato. Un progresso dovuto anche all’adozione di vitigni nobili che sono andati a “ingentilire” le uve dei vitigni tradizionali.

I vitigni - Trebbiano toscano (50-80%), Greco, Malvasia bianca toscana e Verdello, da soli o congiuntamente non oltre il 20%; Grechetto, Char-donnay, Sauvignon, Pinot bianco e Riesling italico (non oltre il 30%), vitigni a bacca bianca (fino a un massimo del 10%). La resa massima ettariale è di 125 quintali. A Pitigliano si produce da circa 20 anni vino kosher destinato alle comunità ebraiche nazionali ed estere, a ricordo della tradizione ebraica della zona, molto presente anche nei piatti della cucina locale.

Caratteristiche organilettiche - Il Bianco di Pitigliano si presenta con un colore giallo paglierino con riflessi verdolini; il profumo è delicato; il sapore asciutto, vivace, neutro, con fondo leggermente amarognolo, di medio corpo, morbido. La gradazione alcolica minima è 11º, che diventano 12º per il tipo Superiore. Recentemente è ammessa anche la produzione del tipo Spumante, con gradazione alcolica minima di 11,5%º.

Gastronomia - Vino fresco e vivace, il Bianco di Pitigliano ben si presta ad accompagnare molti piatti: antipasti, minestre, rane e lumache senza salsa, pesci in bianco, verdure, formaggi a pasta molle e soprattutto specialità tipiche maremmane, come l’acquacotta. Ma consigliamo di provarlo anche con una zuppa di cozze oppure con degli spiedini di totani.
&
Enogastronomia