Torre civica o dell'orologio di Castelnuovo Berardenga
panoramaPanorami

Torre civica o dell'orologio di Castelnuovo Berardenga

Un panorama che domina il paesaggio chiantigiano

Castelnuovo Berardenga
La torre civica dell’orologio, faceva parte originariamente del sistema difensivo di Castelnuovo. Situato al centro dei vasti ossessi degli Ugurgieri della Berardenga, il luogo venne fortificato dalla Repubblica di Siena a partire dal 23 luglio 1366 affidandone i lavori a Mino Dei, senese, il quale cinse di mura la parte più alta del colle. Per distinguerlo dai castelli più antichi della zona, fu chiamato “nuovo”. Sede di conflitti e scorribande nemiche e a lungo conteso, per la sua posizione strategica, dalla rivale Firenze, verso la fine del XV secolo le mura del nuovo castello vennero rafforzate ed estese su alcuni lati. Altri lavori di fortificazione vennero effettuati nel 1526 allorchè il Consiglio di Balia, deliberò di rafforzare la cinta muraria con la costruzione di sette torri, una delle quali è appunto l’attuale torre civica che costituì anche uno degli accessi del castello. Cessata ogni funzione difensiva, le mura e le torri vennero definitivamente abbattute verso la fine del XVIII secolo per far posto all’imponente costruzione del complesso della Villa Chigi Saracini. Venne risparmiata l’attuale torre che fu trasformata in torre civica insieme ad un’altra che, radicalmente modificata, fu adattata per l’abitazione del custode della villa. Fu collocato nel 1763 il primo orologio e nel 1896 fu collocato quello attuale.

La torre conserva i caratteri settecenteschi cioè pianta rettangolare e coperta a terrazza. E’ impostata su piedritti in muratura mista di pietra e laterizio e si sviluppa su tre piani, scanditi da cornici e lesene angolari in mattoni, terminanti in un cornicione sagomato anch’esso in mattoni. Al piano terra è una grande apertura ad arco che delimita il vano, coperto con volta a botte realizzata in mattoni disposti a spina di pesce, che costituiva l’accesso all’interno del borgo antico. Sul prospetto principale è collocato lo stemma della comunità di Castelnuovo; all’ultimo livello dello stesso prospetto è l’orologio.

Dall'alto  si osserva un magnifico paesaggio che spazia dalle crete al chianti.

Per le visite
Domenica e festivi: ore 9 – 12, da aprile a settembre, e ore 10 – 13, da ottobre a marzo
Negli altri giorni, su prenotazione all’Associazione Quinquatrus, tel. 3494379381 oppure
0577.355607.
www.quinquatrus.com

Prezzi: 2 euro (1 euro per i residenti)
Castelnuovo Berardenga
Paesaggio collinare suggestivo dai numerosi castelli
Incastonato tra le fertili colline del Chianti e l'incredibile paesaggio delle crete, il vasto territorio comunale di Castelnuovo Berardenga circonda Siena a Nord e ad Est. Il paesaggio è quello delle colline che separano il primo tratto della valle dell'Ombrone da quella del suo affluente Arbia, che in alcuni tratti segna il limite amministrativo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace