punta Calamita
panoramaPanorami

Punta Calamita

Penisola dai punti panoramici più belli, il suo nome deriva dalla presenza di magnetite

Isola d'Elba

Con la sua fitta ragnatela di sterrati e sentieri che si snodano in alto sul mare e in una grande pineta, la penisola di Punta Calamita è uno dei luoghi più panoramici dell'isola, l'ideale per sbizzarrirsi con la mountain bike in tutta sicurezza. Importante zona mineraria conosciuta e sfruttata già dagli etruschi, questo promontorio deve il suo nome alla presenza di magnetite (l'unico minerale che si presenta magnetizzato allo stato naturale), le cui caratteristiche hanno dato origine a suggestive leggende. Se è vero che le bussole delle navi quando transitano sotto costa abbandonano il nord per orientarsi verso Punta Calamita, appare senz'altro fantasioso e improbabile che la forza del grande magnete naturale fosse addirittura in grado di sradicare i chiodi dal fasciame delle vecchie imbarcazioni. Visto che in questo caso possiamo fare a meno della bussola, partiti dalla graziosa Capoliveri (una "perla" la piazzetta col belvedere) eccoci in sella diretti verso la Costa dei Gabbiani, lungo un'ampia e scorrevole strada bianca da cui possiamo osservare la Corsica e le sagome delle isole meridionali dell'Arcipelago Toscano. Dopo 3.6 km un bivio a destra scende alla spiaggia dell'Innamorata, fronteggiata dalle due isole Gemini. Tornati sullo sterrato principale entriamo nella zona delle miniere, il cui abbandono è segnalato in modo inequivocabile dagli scheletri rugginosi di pontili e attrezzature, mentre il rosseggiare delle scorie minerali intorbidisce un mare peraltro già limpidissimo a pochi metri dalla spiaggia. Dopo 9.7 km, tralasciati altri bivi e superato un villaggio turistico con maneggio, lo sterrato entra nella pineta e al km 10.8 raggiunge un quadrivio con una vasca d'acqua dolce utilizzata dalla Forestale in caso d'incendio. La prima a sinistra, un bel sentiero a fondo morbido, ombreggiato e pianeggiante, conduce a un altro quadrivio, dove la strada più a destra riporta sull'anello principale di Punta Calamita, mentre le altre esplorano il Monte Calamita (413 m) snodandosi nel fresco della pineta. Tutte riportano comunque a Capoliveri, punto di partenza della nostra escursione, dove un bicchiere di profumato aleatico tonificherà i nostri muscoli meglio di qualsiasi altra bevanda.

Isola d’Elba
Storia di un'isola che porta traccia di tutte le culture che hanno attraversato il Mediterraneo
Non esiste civiltà del Mediterraneo che non abbia lasciato tracce del proprio passaggio all’Isola d’Elba. Natura, arte e cultura millenaria racchiuse in un microcosmo di 224 chilometri quadrati, creano un’atmosfera unica, rievocano scenari straordinari frutto di incontri tra popoli diversi. ...
Approfondiscikeyboard_backspace