Palaia
location_cityArchitetture

Pieve di San Giovanni Battista

La chiesa con stile romanico a San Gervasio, Palaia

Palaia

Prima della costruzione attuale esisteva un edificio appartenente alla Diocesi di Lucca, di epoca altomedievale, di cui sono rimasti unicamente i capitelli a "tavola" di stile longobardo. La Pieve attuale sorse a ridosso delle mura difensive dell’antico castello nel secolo XI. Si presenta a forma basicale, con caratteristiche tipicamente romaniche, non orientata secondo i punti cardinali a causa dello spazio limitato dalle vicine mura castellane. I numerosi danni subiti nel corso dei secoli hanno determinato una mutilazione architettonica nella zona frontale e la perdita parziale della navata minore di destra e del campanile; l’attuale torre campanaria in laterizio risale al secolo XVII, unitamente ad altre pareti ed alla pavimentazione interna in mezzane di cotto. La facciata rivolta ad occidente fu edificata nel secolo XV, mentre la struttura di copertura, costituita da capriate di legno, risale al secolo XVI. Gli interventi di restauro terminati nel 1999 hanno portato alla luce la struttura absidale nella sua globalità ed è stato possibile il recupero di una cappella interna.
(Articolo a cura dell' APT di Pisa)

Palaia
Vivaci centri rurali e suggestivi borghi abbandonati in cui si respira l'antica tradizione toscana
Palaia è uno dei luoghi più ricchi di storia di tutta la Valdera, le sue origini risalgono infatti al IV secolo a.C., come mostrano i ritrovamenti che testimoniano la presenza degli Etruschi in questa zona. ...
Approfondiscikeyboard_backspace