Parco Archeologico Poggibonsi
account_balanceMusei

Parco Archeologico Poggibonsi

La storia e i reperti archeologici di Poggio Imperiale

Località Fortezza
La visita ha inizio dalla sala polivalente, con un filmato che illustra i risultati di dodici anni di scavo e i più importanti aspetti archeologici, architettonici e naturalistici del sito di Poggio Imperiale, che fin dal 1993 è oggetto di indagini condotte dall’Area di Archeologia Medievale dell’Università degli Studi di Siena, le quali hanno permesso di documentare in questo sito una frequentazione che va dal V al XV secolo.

La prima sala è incentrata sullo sviluppo del sito nelle fasi precedenti alle attestazioni documentarie, l’evoluzione dell’abitato, dall’insediamento di case di terra tardo-antico, alla creazione e allo sviluppo di un villaggio di capanne di epoca longobarda, fino alla formazione della curtis di periodo carolingio.

Il secondo ambiente è dedicato alle fasi bassomedievali e quindi alla storia della città di Poggio Bonizio, con il castello e le case a schiera che si affacciavano lungo la Via Francigena e sul cantiere della grande chiesa di Sant’Agnese. Le successive ricostruzioni mostrano la trasformazione dell’abitato in una ‘quasi-città’, con l’ampliamento della cinta muraria, la frammentazione in più nuclei abitativi delle originarie abitazioni e la costruzione della fonte di Vallepiatta, oggi detta "delle Fate".

La terza stanza è incentrata sulle più recenti fasi insediative della collina, successive alla distruzione fiorentina del 1270. Nel 1313 Arrigo VII avviò la rifondazione del sito, che nelle sue intenzioni avrebbe dovuto diventare un centro imperiale (da cui l’attuale toponimo). Per il periodo successivo sono rappresentati i cantieri di costruzione della fortezza, voluta da Lorenzo dei Medici e del cassero.

Nella quarta sala è esposta una selezione di reperti archeologici, che fornisce un affondo sugli arredi degli ambienti scavati e sulle attività agricole e artigianali, tra cui ceramiche, monete, reperti vitrei e metallici e frammenti di ossa animali.

Uscendo dal Centro di Documentazione, i suggestivi ambienti del bastione Nord-Ovest ospitano due allestimenti museali, uno incentrato sull’evoluzione dell’architettura fortificata rinascimentale in seguito all’introduzione della polvere da sparo, l’altro sui dati materiali provenienti dallo scavo.

Poggibonsi
Antichi monumenti e opere d'arte di grande valore storico
Poggibonsi, primo nome Poggio Marturi, è situata nell' Alta Valdelsa alla confluenza delle principali vie di comunicazione che attraversano la Toscana, all'apparenza può sembrare solamente una città moderna ed invece offre opere d'arte ed antichi monumenti di grande valore ed interesse. ...
Approfondiscikeyboard_backspace