Museo diocesano di San Miniato
account_balanceMusei

Museo diocesano di San Miniato

Una collezione di oggetti e dipinti sacri rinvenuti nella cattedrale

San Miniato

Il museo è ospitato nei locali adiacenti alla Cattedrale dove anticamente si trovavano le sagrestie e raccoglie  opere di scultura, pittura e arti minori provenienti da varie parrocchie della diocesi, con il fine di conservarle e valorizzarle.

 

L'ordinamento è stato riorganizzato nel 2000 sulla base dell'idea che il museo dovesse rimandare alla città e al territorio. Si è pertanto cercato di rendere maggiormente leggibili i nuclei di opere per la loro provenienza, documentando il contesto architettonico originario con supporti grafici, fotografici e didascalici. Ciò è stato fatto senza rinunciare alla possibilità di poter confrontare opere cronologicamente e tipologicamente vicine e di poter rendere chiare le specificità del patrimonio artistico di San Miniato che è caratterizzata dall'apertura verso le forme artistiche dei grandi centri vicini.

I nuclei principali provengono dalla Cattedrale, dalla chiesa e dal convento di San Francesco, dalla chiesa di S.Jacopo e Lucia e dalla chiesa di Santo Stefano. I dipinti seicenteschi provengono dal lascito (1910) del cardinale Alessandro Sanminiatelli alla canonica di Montecastelli. Altre opere provengono da altre chiese del contado.

Tra i dipinti si segnalano la Santa Caterina d'Alessandria attribuita a Jacopo di Cione (1370 c.), due opere del fiorentino Neri di Bicci (1418-1492), due bellissime scene della Passione di Cristo di un ignoto maestro fiammingo della fine del Cinquecento, il San Francesco morente attribuito a Giovanni Bilivert (1585-1644). Tra le sculture spiccano le lastre dell'ambone della cattedrale firmate da Giroldo di Jacopo da Como (1274) e il busto in terracotta del Redentore, già riferito all'attività del Verrocchio ed ora attribuito al suo allievo Agnolo di Polo. Tra le opere di arte minore si segnala il gruppo di 31 bacini ceramici di manifattura nord-africana della fine del sec. XII rimossi dalla facciata della Cattedrale.



Orario:
Dal 1/11 al 31/03 dal giovedì alla domenica, ore 10-17.
Da 1/04 al 31/10: da giovedì alla domenica ore 10-18. Chiuso il lunedì.


Prezzo:
€ 2,50; per tutto il Sistema museale 4,00 €; ridotto 3,00 €; gratis per bambini sotto 14 anni, adulti sopra 65 anni e accompagnatori gruppi. Da martedì a venerdi 3 €, ridotto 2,50.


Accesso handicap:
Si

Contatti:
piazza del Duomo 1
SAN MINIATO (PISA)
Telefono: 347 9268149 (tel Diocesi 0571 418071)
E-mail: diocesi@diocesisanminiato.it
http://www.webdiocesi.chiesacattolica.it/cci_new/vis_diocesi.jsp?idDiocesi=177

San Miniato
Il borgo, famoso per il delizioso tartufo bianco, è ricco di chiese e palazzi da visitare
San Miniato è un delizioso borgo arroccato su un colle a brevissima distanza dall’Arno e a metà strada tra Firenze e Pisa (non a caso per secoli conteso tra le due città). Le origini del centro, famoso per il prelibato tartufo bianco tipico del suo territorio, risalgono all’epoca etrusco-romana. ...
Approfondiscikeyboard_backspace