Museo del Ciclismo "Gino Bartali"
account_balanceMusei

Museo del Ciclismo "Gino Bartali"

A Ponte a Ema, una pinacoteca per gli appassionati delle due ruote

Bagno a Ripoli
Il museo che ha sede in locali adiacenti al circolo ricreativo L'Unione, è stato aperto nell'aprile del 2006. E' ancora in corso di allestimento. Nel giugno 2007 è stata aperta la sala proiezioni-videoteca del museo.

La pinacoteca comprende la sala dedicata a Gino Bartali, (soprannominato "Ginettaccio", grande ciclista e combattente che vinse tre Giri d'Italia, due Tour de France ed altri trofei negli anni Trenta e Cinquanta), dove sono raccolti i suoi cimeli e trofei, la sala dei ciclisti con l'elenco di tutti i corridori, la sala delle biciclette dove sono esposte vecchie biciclette dalla fine dell'Ottocento alla metà del Novecento.

La maggior parte degli oggetti esposti nel museo sono stati donati da appassionati e associazioni.

Il museo comprende un archivio con testimonianze audio e video su Gino Bartali, che sono consultabili nella apposita sala proiezioni.
         

Orario:
mercoledi e sabato ore 9.30-13;
giovedì e venerdì ore 9.30-13 e 15.30-19.00;
domenica su appuntamento (minimo 5 persone);
chiuso lunedì e martedì.

Prezzo:
3,50 € intero;
ridotto (ragazzi fino a 11 anni e soci) 1,50 €;
sconti particolari per scolaresche e comitive

Accesso handicap:
Si

Contatti:
via Chiantigiana 177
Ponte a Ema
FIRENZE (FIRENZE)
Telefono: 055 6461272
E-mail: info@ciclomuseo-bartali.it
http://www.ciclomuseo-bartali.it/web/
     

Bagno a Ripoli
Cipressi, case coloniche, vigneti e uliveti: ecco la perla della Vallombrosa
Dallo Spedale dei viandanti, "Il Bigallo", al poetico Ninfeo di Giambologna, più noto come Grotta di Fata Morgana, passando per dolcissimi paesaggi urbanizzati. Ecco un affresco del bellissimo territorio di Bagno a Ripoli, a Sud della città di Firenze, laddove, senza soluzione di continuità, si inseguono cipressi e case coloniche, vigneti e uliveti che incastonano tabernacoli e dove pulsa ...
Approfondiscikeyboard_backspace