Sant'Antonio a Campagnatico
Luoghi di culto

L’ex-chiesa di Sant’Antonio a Campagnatico

Di origine medievale è uno dei luoghi di culto storici del borgo maremmano

Campagnatico

L’edificio in piazza Dante, risale al dodicesimo secolo. Intorno agli anni 1865-'70, l’Accademia dei Perseveranti di Campagnatico inizio la costruzione del teatro utilizzando la chiesa che nel frattempo era stata sconsacrata. I lavori ebbero lunga durata e soltanto nel 1883 il teatro fu inaugurato.

Durante la prima guerra mondiale, con l’interruzione dell’attività teatrale, l'edificio venne adibito a deposito del grano, causando così il deterioramento delle strutture; nel 1948 furono eseguiti lavori di restauro per opera di Silvio Rossi, erede della famiglia che promosse la costruzione del teatro originario. Negli anni 1956-’57, furono demolite le strutture teatrali e il locale, passato in possesso dell'amministrazione comunale, fu adibito a sala per feste e riunioni di interesse collettivo. L’edificio conserva la facciata romanica a conci di pietra a vista con la parte inferiore scandita da tre a tutto sesto con portale al centro architravato. Essa ha tuttavia subito alcune trasformazioni, quali l'apertura di due porte ai lati del portale centrale e della finestra soprastante in luogo dell’originario rosone.

L’interno ad aula ha tre campate coperta a travi di legno, presenta il vano absidale coperta da una volta a botte. L’edificio conserva una serie di affreschi frammentari, scoperti nel 1987, e restaurati recentemente in cui si riconoscono figure di Santi, fra cui Sant’Antonio. Le opere sono riferibili ad un pittore di scuola senese e databili tra la fine del XIV secolo e gli inizi del quindicesimo secolo.

Altre attrazioni a Campagnaticokeyboard_backspace
Campagnatico
Un borgo medievale in miniatura, tra antiche mura e bellissimi affreschi
Campagnatico è un tipico paese medioevale, sia per la struttura che per posizione strategica, posto su un’altura che verso est dirupa ripidamente in direzione della Valle dell’Ombrone. Antico castello degli Aldobrandeschi di Sovana, citato anche nell’XI canto del Purgatorio di Dante, passò in seguito sotto la signoria dei Tolomei, che tenevano molto alla conquista di questa terra ricca e ...
Approfondiscikeyboard_backspace