fb track
Chiesa_di_San_Leone
Photo ©Sailko
Luoghi della fede

La Chiesa di San Leone a Pistoia

Alla scoperta della Cappella Sistina Pistoiese, tra barocco e neoclassicismo

Map for 43.93236,10.918161
Pistoia

La Chiesa di San Leone a Pistoia è uno dei più importanti gioielli del barocco in Toscana e viene chiamata anche la Cappella Sistina Pistoiese per i suoi magnifici affreschi.
Le origini dell'edificio risalgono al 1379 quando fu sede dell'oratorio della congregazione dei sacerdoti secolari dello Spirito Santo di Pistoia. Il prestigio della congregazione si accrebbe durante i secoli e le loro fortune economiche prosperarono tanto che nel Settecento ampliarono la proprietà acquistando i terreni attigui. In seguito i confratelli decisero di ingrandire la struttura della chiesa e decorarla nuovamente per renderla più ricca e vicina al gusto del tempo. I lavori furono affidati al pistoiese Raffaello Ulivi e in seguito, tra il 1753 e il 1764, Vincenzo Meucci vi lavorò, al fianco di Giuseppe Del Moro.

Gli affreschi della Chiesa di San Leone
Gli affreschi della Chiesa di San Leone - Credit: @makemake_rc.

Nel 1764 le decorazioni furono completate da un artista bolognese, Mauro Tesi, che segna la transizione fra barocco e neoclassico con la raffinata volta a finti cassettoni a nido d’ape e i finti bassorilievi raffiguranti episodi evangelici dove interviene lo Spirito Santo.
Lo spazio interno venne completamente impreziosito con la pittura a finti marmi colorati di tutte le cornici architettoniche e questo inganna in maniera raffinata l’occhio dello spettatore che ha l’illusione di trovarsi in una elegante sala nobiliare.
I dipinti dei due altari laterali della navata, presenti ancora oggi, sono seicenteschi e raffigurano a sinistra l’Ascensione di Stefano Marucelli per la famiglia Bronconi, a destra la Resurrezione di Cristo di Giovanni Lanfranchi per la famiglia Arfaruoli. I blasoni delle due famiglie committenti sono visibili nei plinti degli altari.
Nel 1773, dopo 400 anni di vita, la congregazione fu trasferita e l’oratorio passò al seminario vescovile: è in questo frangente che la chiesa assunse la dedica a San Leone Magno, il patrono del seminario.

Pistoia
Ai piedi dell’Appennino tra storia, natura, musica e folklore
Seducente città di antichissima fondazione, Pistoia è un posto che stupirà gli amanti dell’arte e delle tradizioni. Poeti e scrittori hanno esaltato il fascino di quella che hanno ribattezzato “città di pietra incantata” e “città dalle larghe strade e dalle belle chiese”, e in effetti il centro offre al visitatore la possibilità di addentrarsi in un percorso ricco di chiese, chiostri, palazzi ...
Approfondiscikeyboard_backspace