La chiesa di San Francesco, Prato
Luoghi di culto

La chiesa di San Francesco, Prato

Pirmo importante edificio religioso pratese costruito interamente in cotto

Prato

Dopo la donazione del comune di Prato di questo terreno ai Frati Minori, ci fu la decisione di costruire nel 1282 un convento e una piccola chiesa. Il primato della costruzione dell'edifico si deve al materiale utilizzato, perchè è la prima chiesa in terriotrio pratese ad essere costruita in mattoni anzichè in pietra. La facciata rimane però a fasce bicrome di alaberese e serpentino, con l'aggiunta nel rinascimento  dell'elegante portale e del timpano triangolare con il rilievo le Stimmate di San Francesco di Andrea della Robbia.

Nell'interno, ad una navata a coperture a capriate lignee, spicca il pulpito in pietra serena del XV secolo su cui si trova la tavola del 1400 del Monogramma di Cristo. Sopra l'altare è posizionato il Crocifisso trecentesco in legno policromato donato dal mercante Francesco Datini, la cui lastra tombale  in marmo bianco, che si trova sul pavimento della chiesa, lo raffigura in un elaborato tabernacolo gotico.

Dall'edificio si accede al chiostro rinascimentale e sul lato orientale si apre la trecentesca Cappella del Capitolo, con le pareti affrescate da Niccolò Gerini  con le storie di San Matteo Apostolo, Sant'Antonio Abate e una Crocifissione. Sul lato meridionale del chiostro si ha l'entrata al convento che conserva bellissime sale del primo Trecento.

Prato
Dal Medioevo all'avanguardia in una città da scoprire
Una città che non mancherà di stupire gli amanti delle destinazioni meno inflazionate è Prato. In molti infatti, anche a causa di come il luogo viene spesso presentato sulla stampa, si stupiranno, visitandolo, di scoprire un centro storico elegante e ben conservato, all’altezza dei nuclei medievali di tante delle più note città toscane. ...
Approfondiscikeyboard_backspace