location_cityArchitetture

Il Castello di Poppi

Una struttura imponente voluta dai Conti Guidi

Poppi
Il Castello di Poppi, icona storica del Casentino, con la sua struttura imponente e ben conservata nei secoli, si erge maestoso in uno dei borghi più belli d’Italia.
Furono i Conti Guidi a volerne l’edificazione nel XIII secolo e e si suppone che la parte più antica del maniero medievale sia opera di Lapo di Cambio mentre la più recente, edificata intorno alla fine del XIII secolo, è attribuita al più noto Arnolfo.
Il Castello di Poppi
Il Castello di Poppi - Credit: Renzo Ferrante

Teatro della storica battaglia di Campaldino tra guelfi e ghibellini, avvenuta l’11 giugno 1289, il Castello ha subito nel tempo numerosi rimaneggiamenti ma è giunto ai giorni nostri in perfetta integrità. Visitabile tutto l’anno, ospita una straordinaria biblioteca con oltre 25mila volumi e 800 manoscrtti, fondata dal Conte Rilli Orsini nel 1828.

Si può visitare anche la torre campanaria, dalla cui sommità si può ammirare una splendida visuale sulla valle del Casentino e le antiche prigioni del Castello. Da non perdere una visita alla cappella, dove si trova uno splendido ciclo di affreschi di Taddeo Gaddi del XIV secolo, che raffigura le storie della Vergine e San Giovanni.


Per informazioni: www.castellodipoppi.it

Cover image credit: Varda HB

Poppi
Dal Castello dei Conti Guidi al bellissimo Eremo di Camaldoli
La storia del bel borgo di Poppi è legata alla famiglia dei Conti Guidi e al loro Castello, al punto che scoprire Poppi significa ripercorrere le vicende che nel corso del medioevo hanno dato vita al loro imponente maniero. Il disegno del Castello, costruito nel XIII secolo, è attribuito dal Vasari a Lapo, maestro di Arnolfo di Cambio. ...
Approfondiscikeyboard_backspace
Potrebbe interessarti