fb track
account_balanceMusei

Il Museo Paleontologico di Montevarchi

In mostra 2600 reperti per un viaggio indietro nel tempo di milioni di anni

Map for 43.524178,11.567215
Montevarchi
Il Museo Paleontologico di Montevarchi, compreso nel patrimonio dell’Accademia Valdarnese del Poggio, si trova nell’antico convento francescano di San Lodovico e raccoglie circa 2600 reperti, provenienti quasi esclusivamente dal Valdarno Superiore e di età compresa fra il Pliocene superiore ed il Pleistocene inferiore.
L’esposizione permette un viaggio nel tempo di milioni di anni. Attraverso esemplari selezionati, inseriti nelle rispettive ricostruzioni ambientali, si possono apprezzare le variazioni climatiche e ambientali che hanno accompagnato la storia naturale del Valdarno, la fauna che popolava gli altissimi boschi di sequoie a clima caldo-umido di 3 milioni e 100mila anni fa, il periodo delle glaciazioni (2,5 milioni di annio fa), il grande lago pleistocenico, fino alla prima presenza umana (200mila anni fa).
La collezione è ricca di esemplari rari, come l’Elephas meridionalis, un elefante imponente che poteva superare i 4 metri per 200 quintali di peso, le iene giganti (Pachycrocuta brevirostris), i temibili predatori solitari simili alle tigri dai denti a sciabola (Homotherium crenatidens) e agli attuali giaguari (Panthera toscana-gombaszoegensis). Da segnalare l’importanza scientifica del cranio di Canis etruscus, una sorta di lupo che cacciava in branchi nelle savane valdarnesi e primo esemplare ritrovato di quella specie.
Nella sezione archeologica si possono ammirare numerosi reperti etrusco-romani valdarnesi ma anche manufatti etruschi dell’area viterbese, monete romane e una splendida kelebe volterrana (un vaso a forma di cratere con destinazione funeraria) del III-IV secolo a.C.
Montevarchi
Una delle città più caratteristiche di tutto il Valdarno
Anticamente il territorio di Montevarchi occupava una posizione strategica trovandosi nel punto di incontro tra le strade che collegavano Arezzo, Firenze e Siena. Fino all’anno Mille la pianura era quasi deserta, il territorio era boscoso e il libero scorrere dell’Arno produceva allagamenti. ...
Approfondiscikeyboard_backspace