Il Lago di Sibolla coperto da ninfee
natureElementi naturalistici

Il Lago di Sibolla

Aree Umide della Toscana Settentrionale: la Riserva Naturale del Lago di Sibolla

Altopascio

L’ambiente
Il Lago di Sibolla è un piccolo specchio d'acqua la cui superficie libera è attualmente di circa 12.000 mq; tuttavia, malgrado le ridotte dimensioni, può senz’altro essere considerato uno degli ambienti naturali di maggior pregio del nostro paese.
E’ situato in provincia di Lucca, tra Altopascio e Chiesina Uzzanese, ed occupa la parte centrale di una conca imbrifera che raccoglie le acque meteoriche di una superficie di circa 1.400.000 mq; di questi circa 270.000 mq costituiscono l'invaso palustre vero e proprio, ricoperto dalla vegetazione igrofila e solcato da un fitto reticolo di fossi e canali.
Per un'ampia parte l'area palustre è circondata da prati, incolti e campi tuttora coltivati; invece nelle parti sudorientale e orientale del bacino permangono ancora aree boscate con caratteristiche igrofile (ontanete planiziali) e mesoxerofile a prevalenza di Roverella e Pino marittimo.
L'alimentazione idrica del Sibolla è quasi del tutto di origine "endogena", dato che la conca palustre è pressoché priva di immissari permanenti e significativi. E' presente un unico emissario, il Fosso Sibolla, che va a confluire nel Padule di Fucecchio.

L’area protetta
La Riserva Naturale del Lago di Sibolla, istituita dalla Provincia di Lucca nel 1996, ha una superficie di circa 60 ettari ed è interamente situata nel Comune di Altopascio. La Provincia di Lucca gestisce direttamente la Riserva, avvalendosi di un Comitato Tecnico e di un Comitato Scientifico nominato su indicazione delle Università degli Studi di Pisa e Firenze. Il Regolamento della Riserva Naturale opera tramite vincoli e prescrizioni sugli assetti edilizi, urbanistici e infrastrutturali, sull’uso delle risorse e la difesa del suolo, nonché tramite direttive di tutela e valorizzazione dei valori ambientali, naturalistici e scientifici dell’area. In particolare sono vietate; l’edificazione di nuove costruzioni; le utilizzazioni agricole, di allevamento e di pascolo diverse da quelle di tipo tradizionale; la caccia e la pesca; la raccolta ed asportazione di torba e sfagni; l’introduzione e l’impiego di qualsiasi mezzo di alterazione dei cicli biogeochimici; la navigazione a motore; qualsiasi operazione che possa influire sugli apporti idrici superficiali e sotterranei.
Il Lago di Sibolla è stato anche censito come 'biotopo di rilevante interesse vegetazionale meritevole di conservazione’ da parte della Società Botanica Italiana (1971) e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (1972).

Per informazioni e visite guidate
Amministrazione Provinciale di Lucca: tel. 0583/4171
Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio: tel. e fax 0573/84540; e-mail fucecchio@zoneumidetoscane.it
(Articolo a cura di: Aree Umide della Toscana Settentrionale).

Altopascio
Conosciuta come 'la città del pane', l'antico Ospitale lungo la Francigena conserva un delizioso centro storico
Altopascio, centro noto da secoli a tutti i pellegrini che percorrono la via Francigena – qui accolti da sempre – è un piccolo centro famoso anche come "città del pane", capace di mantenere l’antica tradizione cerealicola tramandata nel corso dei secoli. ...
Approfondiscikeyboard_backspace