Ecomuseo della castagna di Ortignano Raggiolo
natureElementi naturalistici

Ecomuseo della castagna di Ortignano Raggiolo

Un percorso per scoprire il territorio e le sue risorse.

Ortignano Raggiolo
Nasce dallo stretto legame tra le popolazione della valle del Teggina ed il paesaggio nel quale il castagno grazie alle cure dell'uomo è divenuto pianta domestica,  una risorsa indispensabile per l'alimentazione delle popolazioni casentinesi. E' inserito nell'itinerario del bosco dell'Ecomuseo del Casentino ed ha come temi portanti dell'itinerario la raccolta e l'uso alimentare della castagna.

 Il museo rimanda al territorio circostante, permettendo la lettura dei segni che si trovano all'esterno, nel bosco e in quei manifatti, seccatoio e mulino, funzionali alla lavorazione del frutto. La prima sezione è dedicata agli attrezzi legati alla raccolta. Segue il tema della seccatura e successiva estrazione delle castagne. La sezione finale è dedicata all'ambiente domestico in cui la famiglia consumava i cibi confezionati con la farina di castagne. I visitatori passando dal bosco al seccatoio al molino, arrivano al sito del museo e concludono l'esperienza nel laboratorio della castagna, dove i più piccoli possono manipolare e lavorare tutti i materiali e gli elementi prima visti.

Orario:
Da concordare con appuntamento telefonico (0575 514147 sig. Luigi Bianchi).

Prezzo:
gratuito, attività didattica a pagamento

Accesso handicap:
NO

Contatti:
via del Molino
Raggiolo
ORTIGNANO RAGGIOLO (AREZZO)
Telefono: 0575 514147;
0575 539214 (Comune);
 0575 507272-77 (Comunità Montana del Casentino ufficio cultura e turismo)
E-mail: ecomuseo@casentino.toscana.it
Ortignano Raggiolo
Un borgo sospeso nel tempo fra rigogliose foreste di castagni
Ortignano Raggiolo nasce dall’unione di due paesi, Ortignano e Raggiolo che, dopo secoli di dominazioni contrastanti, si unirono nel 1873, inseriti nella cornice di un luogo totalmente circondato da foreste di castagni. ...
Approfondiscikeyboard_backspace
Potrebbe interessarti