Luoghi di culto

Concattedrale di Sant’Antimo a Piombino

Il Duomo, del XIV secolo, è stato ampiamente restaurato negli anni '30 del XX secolo

Concattedrale di Sant’Antimo

Costruito nel 1377, al posto di una chiesa intitolata a san Michele, il Duomo di Piombino venne eretto secondo le forme del gotico senese e fu intitolato a sant'Agostino. Come ricordato sulla stessa facciata l’architetto fu il pisano Piero del Grillo. Numerose modifiche si sono succedute negli anni, fino alle più consistenti ristrutturazioni degli anni Trenta del XX secolo, quando venne risistemata la facciata e venne aggiunta la navata sinistra. Nel frattempo, per via della soppressione della chiesa di Sant’Antimo sopra i Canali, la cattedrale ne ereditò nome e dedica.

 

La facciata in mattoni rossi è sormontata da una serie di archetti pensili che spezzano la severità della costruzione. Il portale è sormontato da una lunetta con al suo interno un mosaico raffigurante l’arcangelo Michele, che risale al 1937 e fu eseguito dalla scuola di mosaico del Vaticano. Sulla facciata si notano alcuni antichi stemmi e, alla sinistra del portale, una lapide che indica la data di edificazione, il committente e, come detto, il costruttore.

 

 

L’interno della chiesa, originariamente a una sola navata, è stato oggetto di molti interventi. Alle sue pareti sono state di recente messe in luce le decorazioni a partiti architettonici realizzate durante il decennio dei Baciocchi (tra fine ‘700 e inizio ‘800). La navata laterale è stata ricavata negli anni Trenta unificando due antiche cappelle. L’altare, del XVII-XVIII secolo, in stile barocco, è sormontato da candelieri del XVI secolo, che hanno tra di loro un crocifisso ligneo della stessa epoca. Il tutto è incorniciato dall’arcone in laterizio a sesto acuto che delimita la cappella maggiore. All’inizio della navata sinistra si trova un fonte battesimale marmoreo in stile tardogotico di Andrea Guardi (1470), a lui si devono anche le due acquasantiere, una di esse eretta su un cippo etrusco del V secolo A.C. con tracce di rilievi con scene di caccia, e i due monumenti sulla controfacciata. Tra le pitture alle pareti spiccano una Trinità e santi di Francesco Vanni e la Morte di San Giuseppe di Giuseppe Baldracco.

 

Il chiostro della cattedrale è uno dei più interessanti del Principato, e venne eretto intorno al 1470 ancora da Andrea Guardi. È un classico esempio di chiostro rinascimentale toscano; quadrangolare con leggere arcate che poggiano su esili colonne marmoree, sormontate da capitelli con motivi floreali uno diverso dall’altro.

 

[Per maggiori informazioni: www.diocesimassamarittima.it]

 

Cover image credit: Courtesy of Piombino Municipality

Piombino
Dall'archeologia al diving, tra spiagge e oasi naturali tante le idee per una vacanza unica
Protesa nel mare su un suggestivo promontorio di fronte alle isole dell’Arcipelago Toscano, ricca di storia e di ambienti naturali salvaguardati e protetti, Piombino è una delle più principali località della Costa degli Etruschi. ...
Approfondiscikeyboard_backspace