fb track
Certosa-Galluzzo-Firenze
Photo ©Cyberuly
location_cityEdifici storici

La Certosa del Galluzzo

La costruzione del complesso si deve a Niccolò Acciaioli, potentissimo cittadino fiorentino che volle realizzarla nel 1341

Map for 43.7384547,11.223635999999942
Firenze
Via S. Michele delle Campora, 46n, 50124 Firenze FI, Italia

La Certosa del Galluzzo sorge nella zona a sud di Firenze, sulla sommità di un colle, e in passato era uno dei più potenti monasteri d’Europa, ospitava centinaia di religiosi e conservava, prima delle spogliazioni napoleoniche, ben cinquecento opere d’arte.
La costruzione del complesso si deve a Niccolò Acciaioli, potentissimo cittadino fiorentino che volle realizzarla nel 1341 non solo come centro di vita monastica ma anche come scuola di educazione per i giovani. All’esterno del convento sorge infatti il palazzo Acciaioli, costruzione merlata destinata ad accogliere i giovani da avviare alle scienze e che era un tempo dotata di una ricchissima biblioteca.

Fra i luoghi più significativi del monastero è la chiesa dedicata a San Lorenzo, di architettura tipicamente manieristica, ricca di affreschi e di dipinti, e dotata di un sontuoso altare marmoreo del XVI secolo e di una cripta che conserva molte antiche tombe, per lo più degli Acciaioli. Dalla chiesa si accede al grande chiostro rinascimentale, ornato da un grande pozzo e da terrecotte di Andrea e Giovanni della Robbia (XV-XVI secolo), su cui si aprono le celle, alcune delle quali visitabili. Ciascuna cella è composta da una stanza per dormire e una per pregare, entrambe arredate severamente e affacciate su un giardinetto isolato. Da questo chiostro si può accedere a quello cosiddetto dei Conversi, piccolo e costituito da due loggiati sovrapposti, e da questo si ha accesso al refettorio.

Nel chiostro grande erano originariamente le cinque lunette dipinte dal Pontormo tra il 1522 e il 1525 con gli episodi della Passione di Cristo: staccate a causa delle loro pessime condizioni, sono oggi visibili - insieme ad una cospicua raccolta di opere d’arte dal XIV al XVIII secolo - nella pinacoteca del monastero.

Info: certosadifirenze.it

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace