fb track
Pelago

Pelago

Castelli, pievi e ville dai monti a valle

Leggi la storia Pelago su logo toscana ovunque bella Pelago - Più vino per noialtri quassù - Toscana Ovunque Bella Pelago Più vino per noialtri quassù Il matto del paese, una stramba corrispondenza e alcune riflessioni su una terra meravigliosa ma troppo in discesa ~ di Daniele PasquiniLeggi la storia

L’ampio territorio di Pelago si estende dalla pianura alla montagna, accogliendo poggi decorati da filari di vite, ulivi, chiese, case coloniche, antichi castelli e borghi.

È questa una terra dove il verde delle colline ricorda in ogni angolo il colore dell’olio appena franto e il rosso del tramonto riporta al cuore le tonalità, i profumi e i sapori di un piacevole calice di vino. Olio e vino segnano fisicamente e socialmente queste valli, regalando un viaggio che passa per i sensi.

Il capoluogo Pelago domina la valle, con la sua posizione arroccata. Inizialmente un insieme di case che avvolgeva il castello dei Conti Guidi, poi luogo di villeggiatura di facoltose famiglie fiorentine, che, in cerca di un luogo fresco lontano dalla città, lo costellarono di eleganti ville. Il fortilizio è collocato proprio al centro del paese, dove si trova anche la settecentesca pieve di San Clemente, con il suo Museo di Arte Sacra.

Pelago è anche natura, con le località di Borselli e Consuma, dove gli appassionati di sport invernali si lanciano per le piste innevate. La collina lascia spazio a boschi fitti e vivi, ricchi di funghi e altri doni del sottobosco. Come di consueto, chi vive e ha vissuto questi paesaggi, vi si lega in maniera indissolubile, anche per quello che la montagna riesce a offrire a chi la abita. A Raggioli, per esempio, si può facilmente capire l’armonia che si crea tra l’uomo e la natura in luoghi del genere. Si può passeggiare per il borgo e i suoi vicoli in pietra, respirarne l’atmosfera medievale e rimanere affascinati dalle case arroccate, un tempo dimora di boscaioli, carbonai e contadini. Per approfondire la vita e il lavoro di questi abitanti niente di meglio che una visita al Museo della Civiltà Contadina e della Montagna, che raccoglie attrezzi del mestiere e oggetti della vita di ogni giorno.

Rotolando fino al fiume, l’ultima frazione che si incontra prima della riva è San Francesco, collegata alla vicina Pontassieve da un possente Ponte Mediceo di metà Cinquecento.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Pelago
&
Il territorio
Paesaggio Via degli Dei tra Firenze e Bivigliano

Firenze e Area Fiorentina

Intorno a Firenze un patrimonio fatto di ville, castelli, boschi incantati e colline
La potenza dell’arte e la vitalità della cultura di Firenze, da tempi lontani, hanno un’energia tale da espandersi con forza pressoché in tutta la Toscana. ...
Approfondiscikeyboard_backspace