fb track
Casale di Pari
Photo ©LigaDue

La vecchia Strada Leopoldina in bicicletta

Un percorso mozzafiato nel cuore della Maremma

Prima tappa
Paganico

Si parte da Paganico in Piazza della Vittoria, pedalando verso il Cassero Senese, porta fortificata di origini medievali. Da qui si imbocca la S.P. 64 in direzione Monte Amiata - Arcidosso - Castel del Piano. La strada è abbastanza trafficata, ma dopo 2,8 km si lascia la S.P. 64 per girare a sinistra verso Monte Antico, passando sotto il ponte della ferrovia. Dopo 1 km si ignora il bivio sulla destra verso Monte Antico e si prosegue dritti in direzione Casenovole - Casal di Pari. Si procede in leggera salita per circa 1 km, poi la pendenza aumenta.

La strada procede a gradoni alternando tratti di diversa pendenza. Dopo un tratto di saliscendi si raggiunge il podere di Capannelle (9,5 km), antica stazione di posta, proprio ai margini della strada. Dopo circa 3,5 km inizia il tratto più impegnativo dell'itinerario, soprattutto quando la pendenza aumenta con decisione negli ultimi 600 metri prima di scollinare (15,1 km) e intraprendere la ripida discesa fino al borgo di Fercole.

Chiesa di Maria Bambina, Dogana di Civitella
Chiesa di Maria Bambina, Dogana di Civitella - Credit: Giovanni Casalini
Seconda tappa
Nel borgo di Casale di Pari
In bici in Maremma
In bici in Maremma - Credit: Riccardo M.

Qui l'itinerario prosegue a destra sulla magnifica strada Leopoldina ma si consiglia una breve deviazione verso Casal di Pari che dista da qui 1,5 km in prevalente salita. Tornati a Fercole si imbocca la S.P. 140 Leopoldina in direzione Casenovole. Il primo tratto procede in discesa per poi seguire la curva di livello fino al caseggiato rurale di Poggio La Pila (18 km). Da qui si prosegue lungo una bellissima discesa tra cipressi, roverelle e lecci per 1,2 km fino allo scenografico viale di cipressi che conduce al castello di Casenovole (19,2 km). Si continua in discesa tra cipressi e olivete fino a un bivio dove si mantiene la traccia principale asfaltata in direzione di Monte Antico e Paganico.

Poco dopo il paesaggio la vista spazia sulle colline circostanti, con boschi e terreni coltivati, e la bella vallata dell'Ombrone. Un breve tratto in salita conduce al podere La Pievanella e, successivamente, ad altri casolari prima che inizi la discesa finale verso Monte Antico (28 km). Si lambisce la stazione ferroviaria e su strada, prima pianeggiante (lungo la piana dell'Ombrone), poi in pedalabile salita, si arriva all'incrocio dove si lascia la S.P. 140 Leopoldina per girare a sinistra in direzione Paganico. Da qui si pedala sullo stesso tratto percorso all'inizio dell'itinerario fino al ponte della ferrovia dove si gira a destra imboccando la S.P. 64 per circa 2 km in prevalente discesa fino a Paganico (38,4 km).

&
In bicicletta