Villino Fontanella a Viareggio
location_cityArchitetture

Villino Fontanella a Viareggio

Viareggio, 1912 - 1926. L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno

Viareggio

Il disegno del villino attesta un impianto regolare al quale corrispondono prospetti caratterizzati da una sequenza asimmetrica di aperture dalle forme differenti. Ampliato successivamente, l'edificio presenta un'organizzazione compositiva articolata sviluppandosi parte su tre piani e parte su due piani.
Le finestre (monofore e bifore) sono a sesto acuto trilobato e architravate, sottolineate da inserti ornamentali quali tondini, cornici, modanature. Una serie di formelle decorative ornano il paramento evocando l'immagine di Venezia, porta dell'Oriente. E' significativa, a questo proposito, l'immagine della gondola in rilievo sul prospetto prospiciente la via Buonarroti.
Una piccola scalinata introduce all'ingresso caratterizzato da un portale incorniciato da un'apertura ad arco carenato. In sintonia con lo stile decorativo complessivo è il disegno dei particolari in ferro battuto come le cancellate e il lampione.
Al piano superiore la terrazza si affaccia sul giardino retrostante, qualificato da aiuole regolari e da una ricca varietà di palme e palmizi che contribuiscono a ricreare l'atmosfera esotica del complesso.
L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno.
(Articolo a cura della Provincia di Lucca).

Viareggio
Da un piccolo borgo di pescatori a una meta balneare tra le più note in Toscana, ecco la città del Carnevale
Il mare da una parte, le candide vette delle Apuane dall’altra, chi non ha mai visto la classica istantanea di Viareggio? Passeggiare tra le vezzose stradine del centro, prendere un gelato in Passeggiata o in pineta, spingersi al mare in Darsena o, ancor più là, verso la parte di spiaggia più selvaggia, la Lecciona - quasi a Torre del Lago; mangiare pesce in una delle tipiche trattorie di ...
Approfondiscikeyboard_backspace