spaRelax e benessere

Terme della Via Francigena a Gambassi

Sulle tracce di un antico percorso, le acque del benessere a Gambassi Terme

Gambassi Terme

Terra antica, abitata dagli Etruschi e dai Romani, Gambassi fu nel Medioevo stazione di sosta per i viaggiatori ed i pellegrini che percorrevano la Via Francigena. È in questo affascinante contesto, del Parco Benestare tra i comuni di Gambassi e Montaione, che sorge lo stabilimento termale ed il centro benessere “Terme della Via Francigena”.

Avvolto da un incantevole parco di piante secolari, il centro benessere offre un’ampia gamma di servizi termali, terapeutici ed estetici, sfruttando i principi attivi dell’Acqua Salsa di Pillo: un’acqua salso-bromoiodica dalle straordinarie componenti organolettiche e chimiche, adatta alle terapie idropiniche, legate all’apparato digestivo e alle terapie inalatorie, per le turbe dell’apparato respiratorio.

A fianco del settore terapeutico c’è anche un’area dedicata alla bellezza e alla cura della persona, che propone massaggi e trattamenti, oltre a percorsi olistici e sensoriali, che mirano al recupero dell’equilibrio e del benessere.
Nel percorso denominato Cammino del Benessere si trovano una rilassante piscina idromassaggio interna, che coniuga le proprietà benefiche dell’acqua a quelle del movimento e una piscina esterna nel giardino.

La zona vapori invece, favorisce la disintossicazione del corpo e combatte lo stress con l’aroma terapia e la cromoterapia della sauna finlandese e del bagno turco.

All'interno del cammino si continua nella zona della cascata del ghiaccio, delle docce refrigeranti e del fiotto d'acqua finlandese, a cui si associano le zone del riposo e del relax interna ed esterna.

Le Terme della Via Francigena nel cuore della Val d’Elsa sono un ottimo punto di partenza per poter visitare suggestivi borghi storici della Toscana, quali San Gimignano, Certaldo e Volterra.

www.termeviafrancigena.it

Gambassi Terme
Benessere fisico e spirituale lungo la via francigena
Il territorio di Gambassi Terme è da sempre “terra di passo”, lo era per certo sin dal tempo degli etruschi, trovandosi sulla direttrice di Volterra, quindi per i romani, snodo della via Clodia tra Siena e Lucca e, nell’Alto Medioevo, per i viaggiatori: in particolare per i pellegrini che percorrevano la via Francigena (come fece l’arcivescovo Sigerico di Canterbury, che nel suo itinerario ...
Approfondiscikeyboard_backspace