Riserva naturale Poggio Tre Cancelli
???.icon?????????

Riserva naturale Poggio Tre Cancelli

Un paradiso naturale per gli animali e gli amanti delle passeggiate nel verde

Follonica

La Riserva naturale statale Poggio Tre Cancelli è stata istituita quasi 30 anni fa. Dal punto di vista geografico ricade all'interno del Parco interprovinciale di Montioni. Questa zona verde si estende per 99 ettari, 50 di riserva propriamente detta e 49 destinati a fascia di protezione. Di proprietà dello Stato, l'area rientra tra i biotopi di rilevante interesse dal punto di vista della vegetazione, meritevoli di conservazione e censiti dal Programma di Ricerca Territoriale sulle aree naturali da proteggere, eseguito dal Cnr per il Ministero dei Lavori pubblici. La flora attuale è caratterizzata da boschi con enormi esemplari di leccio, cerro e sughera. Prosperano, inoltre, formazioni di ornello, corbezzolo, carpino nero, fillirea latifolia, erica, carpino bianco, acero trilobo, corniolo, alaterno, lentisco, mirto, viburno, sorbo domestico, ciavardello. L'avifauna nidificante è rappresentata in particolare da numerose specie di rapaci diurni e notturni come il Gheppio, la Poiana, la Civetta e il Barbagianni. Tra i mammiferi dominano gli ungulati come il Capriolo e il Cinghiale. Frequenti anche gli incontri con l’Istrice, il Riccio, lo Scoiattolo, il Tasso, la Volpe e la Faina.

 

Come ci si arriva: prendendo la Statale Aurelia verso nord da Grosseto si raggiunge Follonica, da qui si gira in direzione di Massa Marittima. Al bivio per Montioni si svolta a sinistra e, prima di raggiungere questo centro, ancora a sinistra. La riserva è chiusa e si può visitare solo su prenotazione rivolgendosi all’Ufficio Amministrazione del Corpo Forestale, ex ASFD (telefono 0566/40019).
 

Comune di Follonica

Gestione: Corpo Forestale dello Stato

Anno di istituzione: 1970

 

Follonica
Una perla incastonata in un golfo mozzafiato
Follonica è situata al centro di un bel golfo cui dona il nome, compreso tra il promontorio di Piombino e Punta Ala, e davanti al quale si trova l’Isola d’Elba. Sin dall’antichità la cittadina è stato un centro famoso per la lavorazione del ferro e della ghisa, tant’è che il suo nome prende origine dai fulloni, gli antichi mantici dei forni fusori. ...
Approfondiscikeyboard_backspace