Pieve di San Niccolò di Marliana
Luoghi di culto

Pieve di San Niccolò di Marliana

La chiesa risale al 1300 ed è stata rimaneggiata nell'Ottocento

Marliana
La chiesa di San Niccolò non compare nelle decime del XIII secolo, nonostante già in questo periodo sia testimoniata l'esistenza di un comune rurale di Marliana. La chiesa viene ricordata nel sinodo del 1313 ed è registrata nei verbali delle visite pastorali a partire dal 1373. San Niccolò diviene parrocchiale nel XVI secolo e viene elevata a pieve nel 1593. Essa subisce una grossa trasformazione nel XVII secolo e, nuovamente, nella prima metà dell'Ottocento. Nel corso di un recente restauro, sono stati ripristinate le decorazioni e i colori della precedente ristrutturazione ottocentesca.
Dell'impianto trecentesco si sono conservate poche tracce nelle muratura esterna, e la torre campanaria in conci di pietra, collocata lungo il fianco sinistro della chiesa. Il lato del campanile rivolto verso il sagrato, nel quale sono visibili le antiche buche pontaie, è aperto da una serie di tre monofore sovrapposte, che culmina con una finestra a tutto sesto nella cella campanaria. Durante il recente restauro, la facciata e l'esterno della chiesa sono stati intonacati. La facciata ha un unico portale, con coronamento a timpano spezzato contenente un cartiglio con decorazioni a 'C' rovesciate. Al centro della trabeazione si trova un cherubino. L'interno è a tre navate; la centrale presenta una copertura a false cupole. La parte presbiteriale è separata dal resto della chiesa da uno scalino, su cui è stata collocata una balaustra in marmo. Il coro, di forma quadrata, è coperto da una cupola; addossato alla parete di fondo, un altare databile alla fine del Settecento inizio Ottocento, nella cui nicchia è collocata la statua del patrono della chiesa, San Nicola.
(Apt Pistoia)
Marliana
Un viaggio indietro nel tempo sulla Montagna Pistoiese
Il comune di Marliana si estende in un'area medio - montana delimitata dalle valli dei fiumi Vincio e Nievole e, a settentrione, dalle propaggini dell'Appen-nino tosco - emiliano. Zona in gran parte coperta da fitti castagneti, spesso si apre nei dolci declivi alle pregiate coltivazioni della vite e dell'ulivo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace