Chiesa di Santo Spirito
Frazioni, quartieri e piazze

Piazza Santo Spirito a Firenze

Nel cuore dell'antico centro storico

Firenze
La piazza si sviluppò durante la seconda metà del XIII secolo, al fine di raccogliere le folle di fedeli che assistevano alle orazioni dei frati agostiniani, i quali nel 1252 costruirono un convento con una chiesa dedicata a «Santa Maria d'Ognissanti e allo Santo Spirito», che ben presto divenne nota semplicemente come chiesa di Santo Spirito.

E’ da questa chiesa che deriva il nome di una delle piazze dell’oltrarno fiorentino più apprezzate per la sua verve pittoresca e per i suoi ristoranti, i locali notturni, le botteghe artigiane e gli studi d’artisti che la animano facendone una delle più vive di Firenze.

Fin dall’epoca medievale vi si sono svolte manifestazioni, giochi e feste, spesso anche  legate al quartiere.
Ad esempio la festa di San Rocco, patrono dell'Oltrarno, che cade il 16 agosto e che veniva festeggiata imbandendo una grande cena in piazza oppure anche la fiera di San Martino, dedicata ai tessuti di lana.
Oggi, si tramanda questa tradizione attraverso il giornaliero mercatino rionale che si svolge ogni mattina ad eccezione dei giorni festivi.
Inoltre, durante i mesi estivi, la piazza è teatro di vari concerti e spettacoli.

Fra le numerose case quattrocentesche che circondano la piazza, spicca Palazzo Guadagni, la cui costruzione risale ai primi anni del XVI  secolo; la caratteristica loggia del piano superiore, fece da modello per la realizzazione di altri palazzi aristocratici della città. I locali del pianterreno sono stati adibiti alla prima biblioteca comunale di Firenze, inaugurata nel 1914.

Ma l’architettura più interessante rimane indubbiamente la Basilica, costruita partendo dal progetto di Filippo Brunelleschi e terminata alla fine del XV secolo.
La facciata tuttavia non fu mai terminata e tutt'oggi si presenta come una semplice parete intonacata. L'interno della chiesa è uno scrigno ricco di opere d'arte importanti  come il crocifisso ligneo di Michelangelo e pregevoli opere di Filippino Lippi, Sansovino, Orcagna , Giuliano da San Gallo.

Al centro della piazza è posta una fontana in pietra serena che ha una grande vasca ottagonale con al centro un elemento verticale marmoreo e due vasche più piccole concentriche.

 
Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace