Museo archeologico Versiliese "Bruno Antonucci"
account_balanceMusei

Museo archeologico Versiliese "Bruno Antonucci"

I reperti archeologici di tutta la Versilia.

Pietrasanta
Il Museo, fin dalla sua istituzione nel 1968, ha avuto sede presso il Palazzo Moroni in Piazza del Duomo a Pietrasanta, prima come deposito e poi come esposizione aperta al pubblico. L’edificio, caratterizzato da una doppia scala esterna, è uno dei più rilevanti della città, sia dal punto di vista storico e architettonico, sia per le funzioni pubbliche cui è sempre stato destinato. Esso fu infatti realizzato nel XVII secolo unendo due preesistenti fabbricati, per accogliere in un unico complesso il Monte Pio, la Cancelleria e la sala delle adunanze. Ristrutturato alla metà dell’Ottocento, rimase sede municipale fino alla seconda guerra mondiale, accogliendo poi la Biblioteca Civica e in seguito l’Archivio Storico Comunale e il Museo Archeologico.

Nella primavera del 1999 i reperti dell’esposizione e quelli conservati in magazzino sono stati trasferiti nel Deposito Archeologico in Via Marconi, 5, dove è stata allestita una piccola mostra di reperti di epoca romana in funzione delle attività didattiche. Ceramiche medievali sono esposte al pianoterra del Centro Culturale "Luigi Russo", Via S. Agostino n 1.

L' esposizione è nata grazie alla raccolta di reperti archeologici pervenuti da ricerche sul territorio che, a partire dagli anni ’60, sono state effettuate dal Gruppo Speleologico e Archeologico versiliese guidato dal Prof. Bruno Antonucci, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica e l’Università di Pisa. I reperti provengono esclusivamente dall’area versiliese e la loro datazione copre un arco di tempo che va dalla Preistoria al Medioevo.

La raccolta comprende diverse sezioni: la Paleontologica, in cui sono conservati reperti faunistici risalenti fino al Paleolitico superiore; la Preistorica, con resti ossei umani, punte di freccia, pugnali e altri manufatti dell’industria litica, vasselame e pendagli in osso. La sezione di maggior rilievo è quella Etrusca e Ligure, che comprende la raccolta di tutti i cippi funerari etruschi della Versilia, alcune tombe a cassetta e altre notevoli testimonianze degli insediamenti di queste popolazioni nella zona: vasellame, oggetti di ornamento personale, strumenti di lavoro. Infine, la sezione Romana e Medievale conserva vari manufatti tra cui anfore, ceramiche, vetri, strumenti di lavoro, tombe e corredi funebri, monete.

Tra i reperti conservati sono presenti i rinvenimenti dai seguenti siti archeologici della Versilia: Monte Lieto, la Costa, Pieve del Santi Giovanni e Felicita, Casa Baldi, Via del Poggione, Baraglino, Cafaggio, Crocialetto, Bora dei Frati, Montiscendi, La Cappella, Monte Altissimo, Levigliani, Pievecchia.

E' sorto grazie alla cospicua raccolta di reperti effettuata negli anni '60 con ricerche sul territorio versiliese da parte del Gruppo Speleologico e Archeologico versiliese guidato dal prof. Bruno Antonucci, cui nel 1995 è stato intitolato il museo, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica.

Orario:
Il museo è chiuso per restauro della sede espositiva.

Prezzo:
gratuito

Accesso handicap:

SI

Contatti:
piazza del Duomo - palazzo Moroni; sede provvisoria, magazzino, via Marconi 5
PIETRASANTA (LUCCA)
Telefono: 0584 795500; 0584 795501
E-mail: istituti.culturali@comune.pietrasanta.lu.it
Pietrasanta
Terra di artisti e lavoratori del marmo tra Alpi Apuane e mare
E’ una meta appetibile soprattutto per un turismo colto ed elitario. Pietrasanta, la piccola Atene della Versilia, così definita per la concentrazione di artisti che lì hanno deciso di mettere dimora, vanta radici antichissime nella lavorazione del marmo. A ricordarlo sono le imponenti vette delle Alpi Apuane che si stagliano sullo sfondo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace