Photo ©Frans de Wit
location_cityArchitetture

Si scopre tutti gli anni dopo il Palio fino all'autunno

Il Pavimento del Duomo di Siena

Siena

Un’opera d’arte unica al mondo che nasconde un messaggio allegorico che invita alla continua ricerca della sapienza. È il Pavimento del Duomo di Siena, un tappeto marmoreo a cui hanno lavorato dal Trecento all’Ottocento grandi artisti senesi ma non solo, come il Sassetta, Domenico Beccafumi, Matteo di Giovanni ma anche il Pinturicchio, autore nel 1505 di uno dei riquadri più belli, il Monte della Sapienza, dove è raffigurata simbolicamente la strada verso la virtù e si può ammirare una splendida raffigurazione della Fortuna, angelica donna che governa il destino degli uomini e ha le sembianze simili alla Venere del Botticelli.

La Strage degli Innocenti
La Strage degli Innocenti

Il Vasari lo definì il pavimento più “grande e magnifico” che fosse mai esistito e non è difficile capire il perché: ognuno dei 56 riquadri, chiamati “tarsie”, è stato disegnato dai maestri del Rinascimento, copiato dai marmisti e lavorato dagli scalpellini negli splendidi marmi locali, da quello grigio della Montagnola senese al prezioso broccatello giallo. Le tre navate sono dedicate agli episodi e ai personaggi della cultura umanista greca e romana che hanno profetizzato l’avvento del Salvatore, come Ermete Trismegisto, precursore dei profeti, mentre la Madonna e Cristo si rivelano solo ai piedi dell’altare e sotto la Cupola si trovano le storie dell’Antico Testamento: splendida e quasi avveniristica la tarsia dedicata al sacrificio di Isacco disegnata da Domenico Beccafumi, con un’attenzione particolare al paesaggio, dove spiccano animali e alberi contorti.

Il Pavimento scoperto
Il Pavimento scoperto

Bellissime anche le tarsie della Strage degli innocenti di Matteo di Giovanni, con i marmi colorati che creano un effetto di chiaro-scuro, e la Storia di Giuditta, con scene di battaglia che ricordano i quadri di Paolo Uccello, ma anche il Mosé che fa scaturire l’acqua dalla rupe di Horeb di Beccafumi.
Il Pavimento, solitamente coperto per due terzi con dei panni speciali che lo proteggono dall’usura del tempo e dal calpestio dei visitatori, si scopre ogni anno dal 18 agosto, dopo il Palio dell’Assunta, fino a fine ottobre.

Info: operaduomo.siena.it

Siena
La città dove ogni pietra è rimasta immutata nei secoli
Siena si vede sin da lontano risplendere perfetta nel suo equilibrio medievale. I tre colli su cui siede si stagliano in un panorama campestre idilliaco, nel quale i confini dell’antico centro sfumano come un tempo in una campagna che a tratti sembra ancora quella ritratta nell’Allegoria del Buon Governo dipinta da Ambrogio Lorenzetti nelle stanze del Palazzo Pubblico. ...
Approfondiscikeyboard_backspace