Il Castello di Romena
location_cityArchitetture

Fascino, imponenza e storia del Castello di Romena

Tra le rovine maestose della Fortezza alla scoperta di uno dei castelli più noti della Toscana

Pratovecchio
Tre torri dominano in mezzo alla natura, da un’altezza di 621 metri, tutta la vallata del Casentino. Si tratta delle torri maestose del Castello di Romena, uno dei più noti della Toscana per la ricchezza di memorie storiche. Datato intorno ai primi anni dell’XI secolo d.c. nacque sotto la signoria del Conti Guidi che fecero del Castello una delle più importanti fortezze del territorio. Oggi, seppur rimangano  solo imponenti rovine, il Castello è considerato uno dei monumenti più suggestivi del Casentino, sia per la posizione che per l’armoniosa architettura che si sposa con la natura circostante governando, dall’alto, tutta la vallata. L’imponente Fortezza di Romena, della quale si possono ammirare il ponte levatoio, la torre delle prigioni e il cammino di ronda, è considerata una tappa fondamentale del turista che si appresta a visitare i luoghi del Casentino. Un complesso affascinante e armonioso, posto su un poggio dal quale si gode appieno dello splendido panorama circostante, un luogo amato anche dal sommo poeta Dante Alighieri che lo immortalò nella Divina Commedia.
Pratovecchio
Delizioso borgo del Casentino città natale di Paolo Uccello
La sua architettura è l'espressione della sua storia. Una storia di fede - testimoniata dalla presenza, nel borgo, di due monasteri di suore camaldolesi e domenicane - di potere che ha il suo simbolo maestoso nel Castello di Romena, fortezza dei Conti Guidi, citata da Dante nel XXX canto dell'Inferno. ...
Approfondiscikeyboard_backspace