bosco di Tanali
???.icon?????????

Bosco di Tanali

Un'area naturale protetta nel Padule di Bientina

Bientina

Bosco Tanali si trova sul lato ovest del Padule di Bientina alle pendici del Monte Pisano, nel Comune di Bientina in località Caccialupi. Occupa circa 153 ettari di cui una ventina tra bosco planiziale e canneto posti in una cassa di colmata ai margini dell’ex alveo del lago; il resto, prevalentemente a pascolo, è costituito da terreni dell’alveo del lago prosciugato il secolo scorso.
L’area racchiude in sé una varietà di ambienti molto significativi per il Padule di Bientina. Si possono osservare: prati umidi periodicamente allagati, pagliereti, boschi umidi ad ontano nero, canneti e piccoli specchi d’acqua. Si tratta di ambienti importanti per la vita di molte specie di piante ed animali.
 

L’area protetta
L’area è stata la prima Area Naturale Protetta d’Interesse Locale della Regione Toscana, istituita nel novembre 1995, con Delibera del Consiglio Comunale di Bientina, sui 22 ettari della cassa di colmata di Bosco Tanali; è stata estesa, nell’aprile del 1998, ai prati umidi ed alle aree coltive circostanti al bosco, per un totale di circa 153 ettari. Posta ai confini amministrativi della provincia di Pisa, si è cercato, in collaborazione con Legambiente Valdera e WWF, il collegamento funzionale con altre aree poste in provincia di Lucca, come il rifugio WWF del Bottaccio della Visona e l’area di protezione del Pollino, in modo da offrire maggiori possibilità di rifugio e di sosta per le numerose specie migratrici che utilizzano il Padule di Bientina come tappa durante la migrazione. La gestione è svolta direttamente dall’Amministrazione Comunale di Bientina attraverso un Comitato di gestione ed una Consulta delle associazioni, le quali individuano criteri e linee guida per gli interventi gestionali, educativi e di controllo. L’amministrazione ha stipulato convenzioni con Legambiente Valdera per quanto attiene la gestione della didattica ambientale e per i monitoraggi della flora e della fauna e una con la cooperativa sociale Il Melograno per i lavori di realizzazione e di manutenzione delle strutture per la visita.
 

L’area, su cui vige il divieto di caccia, è aperta all’accesso tutto l’anno. Si raccomanda, per una corretta fruizione dell’ambiente e per non arrecare danni alla flora e alla fauna: di utilizzare i sentieri e le stradine segnalate sulla cartina, senza usare mezzi motorizzati; di astenersi da rumori molesti e dall’introduzione di cani, per non disturbare la fauna presente; di visitare l’area senza danneggiare le piante e cogliere fiori; di utilizzare le strutture per l’osservazione della fauna con la consapevolezza che sono state realizzate con l’obiettivo di ridurre al minimo il disturbo per gli animali presenti nell’area protetta.
 

Accesso persone diversamente abili: si
Accoglienza qualificata: no
Disponibilità altro personale: su richiesta
Presenza mezzidi trasporto: no
Sentieri specifici: no
Altri sentieri accessibili:
Caratteristiche altitudine: umido - pianeggiante
Accessibilità centro visita: non esistente


 

 

 

Bientina
Sui Monti Pisani un centro dal cuore verde
Pur avendo perso la sua antica veste medievale per assumere una connotazione di carattere commerciale, a Bientina è possibile visitare: la Chiesa di Santa Maria Assunta, dove sono conservate le spoglie di San Valentino, il Museo di Arte Sacra, il Museo Etrusco e la Chiesa di San Girolamo, dove è allestita una mostra permanente sulla storia antica del territorio. ...
Approfondiscikeyboard_backspace