Museo di Sestino
account_balanceMusei

Antiquarium Nazionale di Sestino

Una grande serie di sculture ellenistiche

Sestino
L'attuale Antiquarium Nazionale di Sestino, diviene "Antiquarium Regio" già nel 1932, grazie soprattutto alla meritevole opera del soprintendente A. Minto. A livello locale sono considerevoli le realizzazioni progettistiche da parte del geometra Attilio Berni che ha immaginato la struttura museale adiacente all' Arcipretura di San Pancrazio. Anche la Curia ebbe un ruolo di primo ordine per la realizzazione del "sogno". Il Comune di Sestino e la Soprintendenza provvidero al finanziamento del progetto. Un'opera collettiva, in grado di coinvolgere interamente sia la popolazione che le sue istituzioni, tanto è vero, che la gran parte delle opere che verranno disposte all'interno della struttura furono doni di privati e di appartenenti alla curia. Lesionato gravemente dalle vicende belliche, il museo è costretto alla chiusura forzata per almeno vent'anni.

Intorno agli anni Ottanta, l'Amministrazione Comunale per ridonare splendore ai ritrovamenti esposti, tanto cari ai sestinati, mise a disposizione la Scuola Elementare come nuova sede espositiva, così il 17 Settembre 1982 venne inaugurata la nuova sede del museo sestinate alla presenza dell' allora Ministro dei Beni Culturali, Gullotti Antonino e dell'illustrissimo storico, etruscologo e studioso di storia romana Pericle Ducati. Nel 1983 gli venne conferito il nome di "Antiquarium Nazionale". Negli anni seguenti il Genio Civile rimise in pristino la vecchia struttura che venne inaugurata nell'anno 1997 ed attualmente ospita la sezione epigrafica sestinate. Nel 2003, attraverso l'adeguamento e la ristrutturazione della Ex-Palestra Comunale, nell'ottica del progetto "Sestino Città Museo" è stata inaugurata la nuova sezione statuaria in cui spicca, il fiore all'occhiello dell'archeologia sestinate, il tempietto augusteo, splendidamente ricostruito.

All'interno del Museo è possibile ammirare numerose sculture: dalla statua di Afrodite alla testa di Augusto fino ad arrivare a bassorilievi e a monumenti funerari di stile ellenistico. Non manca una sezione dedicata agli  oggetti di uso domestico un'importante raccolta di iscrizione dedicatorie e funerarie, tra le quali spiccano quelle legate alla potente famiglia locale dei Volusenii, forse di origine etrusca.

Orario:
Tutti i giorni 9.00-12.00 / 15.00-18.00 - Chiuso il lunedi

Prezzo:

gratuito

Accesso handicap:
SI  
Sestino
Sapore di storia antica e meravigliosi paesaggi caratterizzano il luogo a cavallo tra Toscana e Umbria
Sestino, terra antica da sempre calcata da popoli che risalendo fiumi, Foglia e Marecchia, o primordiali e poi consolidati tracciati viari, vi transitavano lasciando tracce del loro passaggio e della loro permanenza. ...
Approfondiscikeyboard_backspace