Dolci e dessert

La ricetta del Panforte di Siena

star_rate
Difficoltà
media
schedule
Tempo cottura
20 min e 2 ore di raffreddamento
room_service
Dosi per
Per 1 Kg di panforte

Panforte bianco, nero o margherita: chiamatelo come preferite, ma sempre una bontà toscana rimane. Simbolo della gastronomia senese, il Panforte ha una lunga storia che risale all'epoca medioevale. Si pensa che sia nato come dono che dovevano portare i servi e i coloni alle monache dell’Abbazia di Montecelso. Essendo ricco di spezie e ingredienti costosi, nasce quindi come prodotto rivolto a un élite medio-alta. Solo dopo, grazie anche alla posizione strategica lungo la Via Francigena, il Panforte è giunto fino a Roma e in tutta Italia.

Decantato anche da Foscolo nelle sue lettere, già si capisce che il Panforte era un dolce da consumarsi durante le festività natalizie. Anche in realtà si trova tutto l’anno nei migliori forni, pasticcerie e botteghe senesi, abbiamo deciso di parlarne a ridosso del 25 dicembre. Quella che vi proponiamo oggi, non sarà proprio la ricetta originale del Panforte di Siena IGP (che al contrario trovate a questo link), ma vi assicuriamo che il risultato è ottimo ugualmente!

Ingredienti:
Dolce tipico delle festività natalizie: il panforte
Dolce tipico delle festività natalizie: il panforte

Per un panforte di circa 1 kg ci servono:

  • 1 teglia a cerniera di 22cm di diametro
  • 150 gr di zucchero a velo
  • 150 gr di miele d’acacia
  • 150 gr di farina “00”
  • 1 cucchiaio di cannella
  • 250 gr di mandorle con buccia
  • 300/350 gr di frutta candita
  • Ostia
Preparazione:
Panforte di Siena
Panforte di Siena

Per prima cosa, dobbiamo adagiare l’ostia sul fondo della teglia e foderare i bordi con la carta da forno. Successivamente, in una ciotola mettiamo farina, cannella, canditi e mandorle e mescoliamo tutto con le mani. In una casseruola mettiamo il miele con lo zucchero a velo, portiamo a fuoco e facciamo caramellare finché il composto non inizia a spumeggiare; uniamo mezza tazzina d’acqua e mescoliamo veloce.

Togliamo poi dal fuoco la casseruola e ci versiamo il contenuto della ciotola (quindi l’impasto di farina e frutta). Amalgamiamo tutti gli ingredienti insieme con un mestolo di legno (questo passeggio è meglio farlo in tempi abbastanza veloci) e versiamo il contenuto nella teglia.

A questo punto livelliamo la parte superiore del nostro panforte con il fondo di un bicchiere bagnato. Inforniamo nel forno già riscaldato a 250° per 5 minuti; abbassiamo a 200° e continuiamo a cuocere per 15 minuti.

Una volta tolto il panforte, lo lasciamo freddare e lo possiamo cospargere di zucchero a velo. 

Consigli:

Nella ricetta del panforte si può utilizzare ogni tipo di frutta. Per rendere il sapore ancora più intenso possiamo servirci ad esempio di fichi secchi, cedro candito, zucca candita, scorza di popone. Chi più ne ha, più ne metta! Infine, per poterlo conservare a lungo, è necessario rivestirlo di carta stagnola dopo 2 ore di raffreddamento.

people
Le voci della rete
&
Enogastronomia