Photo ©Varda HB

Alla scoperta dei colori della Val di Cornia in bici

Un percorso unico per ciclisti allenati

Questo itinerario, di difficoltà media/difficile, si immerge nelle Colline Metallifere passando nella zona di Monterotondo, dove si produce energia geotermica. Discende la Val di Cecina sconfinando per un breve tratto in provincia di Livorno. Il tipo di strada percorso è asfalto e prevede un dislivello di 720 mt.

Prima tappa
Da Massa Marittima a Monterotondo

Da Massa Marittima si imbocca la S.P. 162 in direzione Siena. Oltrepassata la frazione di Ghirlanda, si prosegue a dritti sulla strada vallonata ma prevalentemente in salita fino a Pian dei Mucini (4). Dopo 700 m, di fronte ad un'osteria, si piega a sinistra seguendo le indicazioni per Monterotondo e Larderello imboccando la S.R. 439 che, dopo aver attraversato il Pian dei Mucini (3 km di pianura), comincia a salire con decisione seguendo sempre le indicazioni per Larderello. Dopo circa 4,5 km si scollina, si scende per 1,5 km, per poi ricominciare a salire per altri 3 km fino a un bivio (16.7) dove si gira a sinistra per Monterotondo sulla S.R. 398 "Val di Cornia". La salita finisce qui e poco dopo comincia la discesa verso l'abitato di Monterotondo (20).

Seconda tappa
Da Monterotondo a Suvereto

All'incrocio nel centro del paese si prosegue in discesa sulla destra in direzione Piombino e Venturina. La strada "precipita" velocemente con ampie curve verso il fondo della Val di Cornia. Si attraversa la piana nei pressi della località Frassine (37.5) proseguendo in prevalente e lieve discesa per circa 9 km fino ad un'evidente curva a destra (46.7): qui si lascia la S.R. 398 che prosegue alla volta di Suvereto per girare a sinistra in direzione Follonica e Massa Marittima sulla S.P. 19, arrivando, dopo 8 km, in località Montioni (54.7), dove si trova un punto ristoro. Si procede sulla S.P. 19 oltrepassando il confine di provincia Livorno-Grosseto: la S.P. 19 diventa S.P. 33 e dopo 3,2 km si gira a sinistra imboccando la S.P. 143 "Marsiliana" (57.9). Si tratta di una delle strade più belle da percorrere in bici che si snoda tra le colline di un paesaggio di grande pregio.

Terza tappa
Tornando verso Massa Marittima

Per 8 km la strada ha un andamento molto vario in continuo saliscendi, poi si mantiene in quota per 4 km arrivando in vista di Massa Marittima. Giunti ad un incrocio a T (70.1) si gira a destra pedalando per 1,1 km lungo un bel viale di cipressi fino a un altro incrocio dove si attraversa la S.R. 439 per imboccare la S.P. 151 che in salita raggiunge il centro storico di Massa Marittima (73.3).

&
In bicicletta