location_cityArchitetture

Torre dello Zenobito

Dal 1545 veglia sul mare di Capraia

Torre dello Zenobito

Una delle quattro torri costiere dell’isola di Capraia permetteva un contatto diretto sia con il Forte San Giorgio, sia con le torri della Corsica. Parliamo della Torre dello Zenobito, costruita dalla Repubblica Genovese nel 1545 per difendere l’isola dai Corsari. Il suo nome deriva dall’antico monastero (anche detto cenobio) che nell’Alto Medioevo sorgeva nei paraggi e che, inoltre, dava il nome alla vicina Piana dello Zenobito.

Due sono gli itinerari che portano alla torre: il sentiero del ceppo e il sentiero perduto. 

Torre dello Zenobito - Credit: Michela Simoncini

La sua struttura in pietra lavica si staglia in cima alla suggestiva Cala Rossa, è a base circolare (come la torre del porto), si sviluppa su tre piani e presenta un soppalco che sovrasta la sala principale, che conserva ancora la bocca di un grande camino. L’ingresso è soprelevato per una migliore difesa dai nemici.

La costruzione della torre è stata un’impresa molto faticosa: le pietre estratte dalle cave limitrofe furono trasportate prima via mare e poi in spalla per un lungo percorso impervio. Nonostante ciò la manovalanza coinvolta era formata principalmente dalle donne dell’isola.

 

Fonte: Fabio Guidi e Roberto Moresco

Capraia
Macchia mediterranea, mare cristallino e antichi sentieri per una vacanza all'insegna della natura
Giungere a Capraia significa sbarcare in un luogo incontaminato e selvaggio, il cui paese è un vero angolo di paradiso fuori dal tempo. L’isola di Capraia, parte dal 1996 del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, è la meta ideale per una fuga romantica o per gli amanti del mare, che qui avranno modo di dare fondo alla loro passione tra occasioni di diving, snorkeling, gite in barca e soste ...
Approfondiscikeyboard_backspace