fb track
Roccatederighi
Photo ©Rossano Campinoti
Frazioni, quartieri e piazze

Roccatederighi

Un borgo arroccato su uno sperone del Sassoforte, dal quale si domina la splendida valle di Roccastrada

Map for 43.010472,11.168309
Roccatederighi

Roccatederighi sorge su uno sperone del monte Sassoforte, dal quale si gode un ampio panorama. Fin dal X secolo appartenne al patrimonio degli Aldobrandeschi. Agli inizi del Duecento vi dominò la signoria locale dei Tederigi o Tederigoli dei Guachi, da cui deriva il nome del paese, e verso la fine del secolo entrò a far parte dei possedimenti della Repubblica di Siena.

Nel punto più alto del paese si trovano i resti dell’antica rocca e alcuni tratti di mura originali, risalenti al Trecento. Accanto svetta la torre; ricostruita nel 1910 seguendo la moda del tempo che imponeva il recupero degli stili medievali, presenta un grande orologio e una caratteristica merlatura. Proseguendo verso la parte bassa del paese lungo via della Torre, si raggiunge la chiesa di San Martino Vescovo, che conserva una deliziosa tavoletta dipinta risalente agli inizi del Seicento che raffigura Gesù bambino e la Madonna con sant’Agostino che sostengono il castello di Roccatederighi. In piazza Garibaldi degna di attenzione è infine la chiesa di San Sebastiano.

Gli eventi del borgo di Roccatederighi
Gli eventi del borgo di Roccatederighi - Credit: Medioevo Nel Borgo

Tra gli eventi folkloristici del paese, si ricorda il Palio dei Ciuchi, che ricorre ogni 14 agosto e che vede le cinque contrade (Corso, Ventosa, Torre, Tramonto e Nobili) contendersi un drappo dipinto da artisti locali.

Durante lo stesso mese, a Roccatederighi si organizza anche "Medioevo nel Borgo", una suggestiva festa medievale conosciuta in tutta la Toscana. Giocolieri, musici, saltimbanchi e le bancarelle con prodotti artigianali: in estate, il borgo diventa il paradiso per gli amanti delle atmosfere del passato!

Roccastrada
Borghi medievali nella pianura grossetana
La pittoresca Roccastrada nasce su una singolare piattaforma di roccia trachitica, da cui si gode di un ampio panorama sulla pianura grossetana. Feudo degli Aldobrandeschi fino ai primi del ’300, il borgo passò in seguito sotto il dominio senese e quindi sotto la tutela dei Medici. ...
Approfondiscikeyboard_backspace