Museo della Contrada della Lupa, Siena
account_balanceMusei

Museo della Contrada della Lupa, Siena

Conserva gli immobili e gli arredi sacri della antica Compagnia di San Rocco, passati alla Contrada della Lupa alla fine del Settecento

Siena

La sede storica della Contrada della Lupa, risalente al XVI sec., era di proprietà della Compagnia laicale di San Rocco, costituitasi nel XV secolo. L'edificazione della sede sembra risalire ai primi anni del Cinquecento e concludersi circa un secolo dopo con l'affrescatura dell'Oratorio e del Cappellone. Nel 1789 i locali passarono alla contrada della Lupa. Nel corso del XIX secolo alcuni lavori misero a repentaglio la struttura della chiesa e interrarono la cripta. Nel Novecento vari lavori di restauro hanno recuperato le strutture antiche.

Il museo è stato riallestito recentemente e riaperto al pubblico nell'aprile del 2002. Nella sede storica si trovano la sala di rappresentaza, l'archivio e la stanza delle monture. Nell'Oratorio un ciclo di affreschi dedicato alla vita di Giobbe opera di Bernardino Mei, Rutilio e Domenica Manetti e Astolfo Petrazzi. Nell'attiguo Cappellone, dal Cinquecento sede assembleare della Contrada, si trova un un grande affresco di Rutilio Manetti di inizio Seicento.

Scendendo nella cripta della chiesa si entra nella Sala delle Vittorie con tutti i Palii vinti dalla Contrada, la Sala dei Paramenti sacri con gli antichi arredi della Compagnia di San Rocco, la Sala delle Armature, la Sala delle Monture con una raccolta dei costumi storici della contrada dal 1839, e infine la Sala delle Riunioni con tutti i masgalani vinti.


Contatti:
Via Vallerozzi 63
SIENA (SIENA)
Telefono: 0577 286038; 0577270777
E-mail: museo@contradadellalupa.it
http://www.contradadellalupa.it/

Siena
La città dove ogni pietra è rimasta immutata nei secoli
Siena si vede sin da lontano risplendere perfetta nel suo equilibrio medievale. I tre colli su cui siede si stagliano in un panorama campestre idilliaco, nel quale i confini dell’antico centro sfumano come un tempo in una campagna che a tratti sembra ancora quella ritratta nell’Allegoria del Buon Governo dipinta da Ambrogio Lorenzetti nelle stanze del Palazzo Pubblico. ...
Approfondiscikeyboard_backspace