Photo ©Ilaria
Siti storici

Il Lago di Vagli e il paese fantasma

Sotto il bacino artificiale emerge Fabbriche di Carreggine

Vagli Sotto

Un borgo fantasma sepolto sotto 34 milioni di metri cubi d’acqua. Non è un libro di fantascienza ma la vera storia di Fabbriche di Careggine, il paese della Garfagnana che nel 1946 fu completamente inondato per costruire il Lago di Vagli, un bacino artificiale di proprietà dell’Enel che fa parte della diga, fruttata per usi idroelettrici e come riserva d'acqua per tutta la zona in caso di incendio.

Gli abitanti di Fabbriche di Careggine furono trasferito in un nuovo paese, Vagli di Sotto, sul promontorio del lago e il borgo, la cui costruzione risaliva al XII secolo, sparì per sempre. Oggi il paese fantasma riemerge dalle acque solo quando la diga viene svuotata per i lavori di manutenzione: finora è successo solo quattro volte, nel 1958, nel 1974, nel 1983 e nel 1994.

Quattro occasioni per vedere Fabbriche di Carreggine che emerge con le sue case in pietra ancora in piedi, il cimitero, il ponte, la chiesa di San Teodoro con il campanile ormai in rovina. Dal 1994 l’Enel non ha più svuotato la diga e non ci sono conferme ufficiali su quando succederà nuovamente.

Altre attrazioni a Vagli di Sottokeyboard_backspace
Vagli di Sotto
Un paese tra le montagne, un lago artificiale e tre villaggi sommersi
L’alta valle del Serchio, nel primo millennio avanti Cristo era popolata dai Liguri-Apuani, che basavano la loro economia sulla pastorizia e sull’agricoltura. Attorno al IV secolo a.C. anche gli etruschi si stabilirono nell’alta valle dell’Edron, come testimoniato dai ritrovamenti archeologici in località Bivio. ...
Approfondiscikeyboard_backspace