Labirinto di Porsenna
Siti storici

Il Labirinto di Porsenna

A Chiusi tra antiche leggende e storia

Piazza Duomo, Chiusi Siena
Chiusi, tra il VII e il V secolo a.C., fu una delle più importanti città della dodecapoli (“lega delle dodici città”) etrusca. Plinio il Vecchio, nella sua Naturalis Historia, racconta che il leggendario re etrusco Porsenna fu sepolto in una tomba fastosa all’interno di un inestricabile
labirinto; e secondo una leggenda medievale il sarcofago era custodito dentro un cocchio d’oro trainato da 12 cavalli d’oro, vegliato da una chioccia e da 5000 pulcini, d’oro anch’essi. Per lungo tempo la tradizione popolare ha identificato il luogo di sepoltura di Porsenna con l’insieme di gallerie che si snodano sotto Chiusi.In realtà si tratta di un acquedotto etrusco, costituito da cunicoli di differenti dimensioni (circa 1 metro di larghezza e 2/5 metri di altezza) e disposti su più livelli, in cui l’acqua, filtrata dalle rocce, veniva raccolta in grandi bacini e prelevata attraverso pozzi.

Il percorso inizia dal Museo della Cattedrale, in Piazza Duomo, e si conclude ad una grande cisterna etruscoromana del I secolo a.C., a pianta circolare e con duplice volta a botte, sorretta da un pilastro centrale. La struttura è realizzata in blocchi di travertino murati a secco e le pareti sono rivestite di cocciopesto, una miscela di frammenti fittili impastati con calce che assicurava una perfetta tenuta dell’acqua. Dalla cisterna si sale, tramite una piccola scala a chiocciola, alla base della torre eretta nel XII secolo con funzioni difensive, e trasformata in campanile alla fine del ’500 mediante l’aggiunta di una cella campanaria. Dalla sommità della torre si ammira uno splendido panorama: i pittoreschi tetti del centro storico, la fortezza medievale, le torri “Beccati questo” e “Beccati quello”, il cui nome riporta all’acerrima rivalità tra senesi e perugini; e ancora i laghi di Chiusi, di Montepulciano e Trasimeno, i monti Amiata e Cetona, Città della Pieve, Cortona e Orvieto.

Itinerario di visita
: È previsto un facile itinerario: 30’, 200 m.

Accessibilità ai disabili: no
Chiusi
Una lunga storia: dagli etruschi ai giorni nostri
Chiusi è considerata dalle fonti latine una delle più antiche città etrusche: lo storico Servio afferma che fu fondata dall’eroe Cluso, figlio del principe lidio Tirreno, che secondo Erodoto guidò la migrazione all’origine della nazione etrusca, o di Telemaco, figlio di Ulisse. Chiusi divenne una delle principali città della dodecapoli etrusca nell’avanzato VI secolo a.C. ...
Approfondiscikeyboard_backspace