Casa Guidi, Firenze
account_balanceMusei

Casa Guidi, Firenze

Celebre casa in cui abitarono i celebri poeti inglesi Robert Browning ed Elizabeth Barret Browning

P.zza San Felice, 8

Casa Guidi come la vediamo oggi ha lo stesso numero di stanze e la stessa pianta dell’appartamento preso in affitto nel 1847 dai coniugi Robert Browning ed Elizabeth Barret Browning, celebri poeti inglesi che vi abitarono per lungo tempo. Elizabeth vi morì nel 1861.
I Browning impiegarono due anni ad arredare l’appartamento, acquistando a caro prezzo uno o due pezzi pregiati come lo specchio dorato del salone mentre la gran parte dei quadri e degli altri mobili fu trovata presso rigattieri fiorentini: gran parte dell’arredamento era infatti solo semplice e funzionale. 


Nel restaurare la proprietà, il Landmark Trust ed Eton College hanno cercato di mantenere l’atmosfera originale, evitando che l’appartamento assumesse l’aspetto di un museo. 


Vi sono attualmente alcuni quadri e mobili che appartenevano sia alla famiglia Barrett che alla famiglia Browning e che sono stati generosamente donati a Casa Guidi ma nell’insieme l’arredamento rimane simile a quello dell’Ottocento. Le pareti ed i soffitti nel salone e nella camera da letto principale ed il soffitto dello studio del poeta sono stati restaurati con i colori originali dell’epoca. Tutte le porte ed i caminetti sono originali. 


Dopo la morte della poetessa, il Comune per commemorarla pose sopra il portone un’iscrizione (composta da Niccolò Tommaseo) secondo la quale la sua poesia aveva creato un anello aureo che lega l’Italia e l’Inghilterra.

Accesso handicap:
Non accessibile a persone su sedia a ruote

Contatti:
P.zza San Felice, 8
Telefono: 055 354457
E-mail: elena.capolino@fastwebnet.it

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace