Villa Chigi Saracini
location_cityArchitetture

Villa Chigi Saracini

Passeggiata nel giardino all'italiana

Castelnuovo Berardenga
All'ingresso dell'abitato di Castelnuovo Berardenga si erge questa villa voluta da Galgano Saracini nel XIX secolo come abitazione di grande decoro e che fosse valorizzata da un grande parco. La costruzione stravolse l'assetto urbanistico della città, abbattendo una grande parte della cinta muraria del castello.

L'edificio, costruito tra il 1820 e il 1840,  ha una pianta regolare e si sviluppa su tre piani. Sui prospetti principali si aprono due portoni d'accesso ad arco a tutto sesto, fiancheggiati da doppie lesene terminanti con mensole che sostengono i balconi di coronamento. Su ogni facciata principale è posto uno stemma, sul lato nord quello dei Chigi Della Rovere e sulla parte sud quello dei Saracini Marescotti. La realizzazione del complesso, villa, cappella e parco, si deve ad Antonino Fantastici.

Il parco, inspirato al tipo romantico, è composto da un laghetto e un Kaffeehaus di stile neoclassico che divide il parco al giardino all'italiana, caratterizzato da geometriche siepi adornate da aiuole di fiori. L'edificio a forma di parallelepipedo ha due nicchie semicircolari che ospitano le statue in terracotta di Flora e Artemide. La flora è composta da diversi alberi e arbusti, in particolare  da platani, faggi, tigli e allori, raggruppati secondo le diverse tonalità di verde e ospita diverse sculture, dedicate ai grandi musicisti.

Castelnuovo Berardenga
Paesaggio collinare suggestivo dai numerosi castelli
Incastonato tra le fertili colline del Chianti e l'incredibile paesaggio delle crete, il vasto territorio comunale di Castelnuovo Berardenga circonda Siena a Nord e ad Est. Il paesaggio è quello delle colline che separano il primo tratto della valle dell'Ombrone da quella del suo affluente Arbia, che in alcuni tratti segna il limite amministrativo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace