Ponte del Diavolo

Lucchesia

La bellezza di Lucca, i centri termali, le ville immerse in stupendi giardini, un ponte “maledetto” e tanti piccoli borghi

Antichi borghi da scoprire, centri termali dove ritrovare il benessere, ville settecentesche immerse in meravigliosi giardini: ecco la Lucchesia, una terra dal movimentato paesaggio modellato dalle anse del fiume Serchio e punteggiato di centri medievali. Il cuore di questo elegante territorio è Lucca, famosa per la cerchia muraria perfettamente conservata e per le “cento chiese”. Camminando per il suo centro storico, rimasto intatto nel corso dei secoli, è possibile ammirare gioielli architettonici come le chiese di San Frediano e San Michele o il Duomo di San Martino. Tra le altre attrazioni vale la pena di ricordare Piazza dell’Anfiteatro, nata sulle rovine dell’antico anfiteatro romano, o la Torre Guinigi, sulla cui sommità svettano fiabescamente alcuni lecci.
 
I dintorni di Lucca, molto meno noti della città, non sono al contrario meno carichi di suggestione. Borgo a Mozzano stupisce il viaggiatore con l’emozionante scoperta del suo celebre Ponte della Maddalena (più noto come Ponte del Diavolo e famoso per la forma asimmetrica delle sue arcate); poco distante si trova Bagni di Lucca, rinomato centro termale sin dai tempi romani, e frequentato, in epoca romantica, anche dai poeti Shelley e Byron.

Agli amanti del vino farà piacere scoprire il piccolo borgo di Montecarlo, che adagiato sulle colline è noto per l’ottimo vino prodotto dalle numerose aziende del suo circondario. I viandanti poi non mancheranno di passare per Altopascio che, rinomata per il suo pane, è da sempre uno degli “spedali” più apprezzati lungo il percorso della via Francigena.

Per chi ama immergersi nel verde dei giardini c’è poi una meta davvero imperdibile da queste parti: le meravigliose ville della Lucchesia. Circondate dalle colline, questi veri e propri  “palazzi di campagna” vennero costruiti da ricchi mercanti lucchesi dal XV secolo in poi, e resi a tutti gli effetti delle sontuose dimore immerse in giardini rigogliosi, abbelliti da parchi curati nei minimi particolari. Spettacolare per gli amanti del genere la fioritura delle camelie, una caratteristica che ha reso unici questi giardini, tra i quali vale la pena ricordare almeno Villa Olivia, Villa Grabau, Villa Reale, Villa Torrigiani e Villa Mansi.

Cover image credit: Jacopo Verrigni